panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Blasone e gonfalone

Date memorabili

Agnello Pasquale

Civiltà scomparse

Centro storico

Castello Chiaramonte

Chiese, conventi, etc.

Famiglie e dimore storiche

Personaggi

Feste e tradizioni popolari

Fonti e bevai

Bambini proietti e ruota

Ospedali

Carceri

Sepolture e cimiteri

Macello

Biblioteca e museo

Edicole, croci, epigrafi, etc.

Prime scuole di Favara

Ferrovia

Colera morbus 1866-1867

Guerre

 

Sindaci dal 1819 al 1946

Medici dal XVI al XX sec.

Notai dal XVI al XX sec.

Religiosi dal 1600 al 1800

Arcipreti dal XVI sec. ad oggi

Delinquenti

 

Ambrosini Alessandro

Ambrosini Gaspare

Ambrosini Vittorio

Bruccoleri Giuseppe

Cafisi Stefano

Giudice Gesuela

Girgenti Antonio

Guarino Gaetano

Indelicato Vincenzo

Internicola Michele di Pietro

Internicola Michele di Ant.no

Maniglia Francesco

Marrone Calogero

Mendola Antonio

Morello Baganella Salvatore

Palermo Camillo

Parlato Valentino

Portolano Paolo

Russello Antonio

Sajeva Domenico

Scaduto Francesco

Valenti Eugenio

Sindaci dal 1819 al 1946

Medici attivi dalla sec. metà

del 1500 ai nostri giorni

Notai attivi dalla sec. metà

del 1500 ai nostri giorni

Religiosi attivi dal 1600 al 1800

Personaggi religiosi

Arcipreti dal XVI sec. ad oggi

Militari

Delinquenti

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

PERSONAGGI VARI

di Carmelo Antinoro

      

Portolano Paolo

(banditore)

 

 

Paolo PortolanoLa storia, si sa, non comprende solo grandi fatti e grandi personaggi; essa è composta da tante microstorie che ogni comunità porta impresse nella propria memoria e che spesso hanno come protagonisti soltanto uomini semplici. Fra questi, a Favara, è da annoverare Pauliddru, al secolo Paolo Portolano (v. foto), nato il 2 giugno 1916 da Salvatore e Giuseppa Bunone, discendente da una modestissima famiglia che trae origine a Favara da Salvatore (bisnonno di Pauliddru e figlio di Calogero e Concetta da Girgenti), il quale sposò Carmela Terranova nel 1823 a Favara.

Uomo semplice, Pauliddru, rappresenta ormai un pezzo della storia di Favara perché è stato l'ultimo banditore di questa comunità, epigono inconsapevole di una tradizione antica. Pauliddru è una figura, per chi lo conobbe, che riporta subito la nostra mente alla fanciullezza, ad una forma molto più casereccia della vita sociale; personaggio, la cui presenza pittoresca non sfuggiva a nessuno, perché raccontava la povera realtà dei tempi passati.

Negli anni in cui la miseria e l'analfabetismo erano molto diffusi, la sola maniera di comunicare provvedimenti amministrativi importanti o altre urgenze alla popolazione contadina e zolfatara di Favara era, con tutta evidenza, quella di farli diffondere a voce dal banditore. Solo in questo modo l'amministrazione comunale si assicurava che una notizia giungesse alle orecchie di tutti i cittadini, anche i più ignoranti.

Pauliddru si annunciava con un rullo di tamburo, al quale faceva seguito, ad alta voce, u bbannu (il bando), che consisteva in comunicazioni giudiziarie, sentenze, citazioni, proclami, ordini di ogni tipo, soprattutto da parte del Municipio; ma non mancavano anche le comunicazioni commerciali e private.

Pauliddru, sfortuna volle che nascesse cieco e per circa un trentennio girò e rigirò le malconce strade di Favara, col tamburo a tracolla, con la testa per aria e l’andatura trasandata. Accompagnato da frotte di ragazzini, di tanto in tanto, si fermava e, dopo il solito rullo di tamburo gridava: Tutti chiddri ca hannu a pagari a funnuaria, hannu tempu sta simana!. Su certe ordinanze Pauliddru non mancava di scherzarci sopra. Tutti chiddri ca hannu a pagari l’acqua, itila a pagari, se no va taglianu!. Non mancava il solito burlone che aggiungeva: Chi ni taglianu Paulì, e Pauliddru, con la testa in aria e il sorriso sulle labbra rispondeva: A tia nenti picchì unnà...

Pauliddrù passò ad altra vita l’8 gennaio 1979 e con lui è morto l’ultimo rappresentante di un mestiere vecchio di tanti secoli, il cui ricordo evoca voci e suoni di un tempo omai lontano.

 

 

Pauliddru Tammurinaru

 

Rataplan..rataplan..rataplan tum tum.

Cristiani du quarteri

 vecchi, carusi, fimmini schietti, maritati e suli

scinniti tutti ca vaju a parlari

cu tutta a vuci vi vogliu cuntari

na cosa ladia ca vi fa scantari.

Rataplan..rataplan..rataplan..tum tum.

Chi musica beddra sunava Pauliddru

era u pueta di tutta Favara

u taliavamu tutti affatati

cu a vucca aperta ni faciva ristari.

Cu l’occhi chiusi e a coppula n’testa

cu u tammurinu ni chiamava a raccolta

pò n’antri nichi ci ivamu appressu

pariva un cani cu li punci addossu.

Iddru cuntava di morti ammazzati

di n’omu schettu cu nà maritata

ca l’ammazzaru pi n’ura d’amuri

e lu cuntava pruvannu duluri.

Rataplan..rataplan..rataplan..tum tum.

Chi gran pueta l’amicu Pauliddru

quannu murì ristavu firutu

u sò ricordu mu portu nu cori.

... ssssstttt… c’è un tammurinu unnù sintiti sunari?

Rataplan..rataplan..rataplan..tum tum.

Raimondo Presti (da Genova)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara