panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Blasone e gonfalone

Date memorabili

Agnello Pasquale

Civiltà scomparse

Centro storico

Castello Chiaramonte

Chiese, conventi, etc.

Famiglie e dimore storiche

Personaggi

Feste e tradizioni popolari

Fonti e bevai

Bambini proietti e ruota

Ospedali

Carceri

Sepolture e cimiteri

Macello

Biblioteca e museo

Edicole, croci, epigrafi, etc.

Prime scuole di Favara

Ferrovia

Colera morbus 1866-1867

Guerre

 

Sindaci dal 1819 al 1946

Medici dal XVI al XX sec.

Notai dal XVI al XX sec.

Religiosi dal 1600 al 1800

Arcipreti dal XVI sec. ad oggi

Delinquenti

 

Ambrosini Alessandro

Ambrosini Gaspare

Ambrosini Vittorio

Bruccoleri Giuseppe

Cafisi Stefano

Giudice Gesuela

Girgenti Antonio

Guarino Gaetano

Indelicato Vincenzo

Internicola Michele di Pietro

Internicola Michele di Ant.no

Maniglia Francesco

Marrone Calogero

Mendola Antonio

Morello Baganella Salvatore

Palermo Camillo

Parlato Valentino

Portolano Paolo

Russello Antonio

Sajeva Domenico

Scaduto Francesco

Valenti Eugenio

Sindaci dal 1819 al 1946

Medici attivi dalla sec. metà

del 1500 ai nostri giorni

Notai attivi dalla sec. metà

del 1500 ai nostri giorni

Religiosi attivi dal 1600 al 1800

Personaggi religiosi

Arcipreti dal XVI sec. ad oggi

Militari

Delinquenti

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

PERSONAGGI VARI

di Carmelo Antinoro

      

Guarino Gaetano

(farmacista, sindaco)

 

 

Gaetano Guarino 1902-1946Guarino Gaetano è nato a Favara il 16 gennaio 1902 da Salvatore e Lucia Magro (riconosciuta come figlia propria da Stefano Dulcetta). La famiglia è stata innestata in Favara da Gaetano senior (nonno di detto Gaetano) sposato con Rosa Vasco e figlio, a sua volta, di Salvatore e Maria Scrima del quartiere di S. Cita a Palermo.

Gaetano studiò in Palermo e dopo la maturità classica, nel 1928, conseguì la laurea in farmacia. Negli anni universitari cominciò a scrivere articoli per l’Avanti.

Dal 1928 al 1930 lavorò come tirocinante a Burgio, dove conobbe la sua futura moglie.

Negli anni “30 tornò a Favara dove acquistò una farmacia esercitandone la professione.

Nel 1943, dopo lo sbarco in Sicilia degli americani, si iscrisse al Partito Socialista Italiano e divenne segretario comunale del PSI a Favara. Venne nominato sindaco di Favara su proposta del prefetto di Agrigento il 2 ottobre 1944  ma si dimise dall'incarico il 15 settembre del 1945.

Guarino lottò contro i grandi proprietari terrieri che sfruttavano la locale manodopera.

Il 10 marzo 1946 si svolsero le elezioni comunali a Favara e Guarino, sostenuto oltre che dai socialisti anche dal partito Comunista Italiano e dal partito d'Azione, vinse le consultazioni con il 59% dei voti e fu eletto sindaco.

Dopo appena 65 giorni di sindacatura, il 16 maggio 1946 fu ucciso con un colpo di pistola alla testa. I responsabili del suo omicidio non furono mai arrestati. La vedova di Guarino ed il figlio andarono a vivere a Parigi.

 

Foto tratta dal libro di Calogero Castronovo: Favara - L'assassinio di Gaetano Guarino, ediz. Compostampa, 2005.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara