panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Blasone e gonfalone

Date memorabili

Agnello Pasquale

Civiltà scomparse

Centro storico

Castello Chiaramonte

Chiese, conventi, etc.

Famiglie e dimore storiche

Personaggi

Feste e tradizioni popolari

Fonti e bevai

Bambini proietti e ruota

Ospedali

Carceri

Sepolture e cimiteri

Macello

Biblioteca e museo

Edicole, croci, epigrafi, etc.

Prime scuole di Favara

Ferrovia

Colera morbus 1866-1867

Guerre

 

Sindaci dal 1819 al 1946

Medici dal XVI al XX sec.

Notai dal XVI al XX sec.

Religiosi dal 1600 al 1800

Arcipreti dal XVI sec. ad oggi

Delinquenti

 

Ambrosini Alessandro

Ambrosini Gaspare

Ambrosini Vittorio

Bruccoleri Giuseppe

Cafisi Stefano

Giudice Gesuela

Girgenti Antonio

Guarino Gaetano

Indelicato Vincenzo

Internicola Michele di Pietro

Internicola Michele di Ant.no

Maniglia Francesco

Marrone Calogero

Mendola Antonio

Morello Baganella Salvatore

Palermo Camillo

Parlato Valentino

Portolano Paolo

Russello Antonio

Sajeva Domenico

Scaduto Francesco

Valenti Eugenio

Sindaci dal 1819 al 1946

Medici attivi dalla sec. metà

del 1500 ai nostri giorni

Notai attivi dalla sec. metà

del 1500 ai nostri giorni

Religiosi attivi dal 1600 al 1800

Personaggi religiosi

Arcipreti dal XVI sec. ad oggi

Militari

Delinquenti

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

PERSONAGGI VARI

di Carmelo Antinoro

      

Ambrosini Alessandro

(giudice, avvocato dello Stato)

 

 

Ambrosini Alessandro è nato a Favara il 6 febbraio 1891, terzo di sette figli del maresciallo dei RR. CC. Giovanni Battista (1846-1907) di Nola, in servizio a Favara, e della direttrice didattica favarese Carmela Lentini.

Frequentò le scuole elementari a Favara ed il ginnasio-liceo a Girgenti, dove si diplomò con menzione d'onore. Proseguì gli studi presso l'Università di Palermo, dove si laureò con lode nella facoltà di giurisprudenza. Combattente nella prima guerra mondiale, fu ferito e decorato con la Croce al merito. Vinse giovanissimo il concorso in magistratura e fu giudice ad Agrigento, Palermo, Torino e Bengasi.

Passato all'Avvocatura di Stato, pervenne ai più alti gradi.

Fu avvocato di Stato a Bengasi e Tripoli, ove operò con saggezza e intelligenza, sostenendo i diritti della popolazione locale, dalla quale ebbe numerosi attestati di stima e di fiducia.

Fu a capo dell'Avvocatura dello Stato della Libia, successivamente di quella distrettuale di Palermo e, quindi, avvocato generale a Roma.

Per i meriti acquisiti fu insignito di vari titoli, fra i quali quelli di Cavaliere di Gran Croce della Repubblica, Commendatore dell'Ordine della Stella d'Italia ed Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro.

Il 30 giugno 1926 sposò Maria Lucchesi figlia del cav. Francesco, da Naro, del nobile casato dei Lucchesi Palli, donna di animo nobile, forte e gentile ed ha avuto sette figli, tutti laureati e professionalmente avviati nelle più alte cariche pubbliche e private.

Integerrimo nell'assolvimento dei doveri professionali, civici e morali, severo anche con se stesso, ma sempre aperto e disponibile con il prossimo, perseguì con costante impegno i valori della famiglia, della Chiesa e dello Stato.

Affezionato al paese, anche in età avanzata, amava tornare ogni anno a Favara, nella campagna di contrada Saraceno, ove trascorreva i mesi estivi con la famiglia.

Morì il 31 luglio 1992 alla veneranda età di 101 anni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara