panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Blasone e gonfalone

Date memorabili

Agnello Pasquale

Civiltà scomparse

Centro storico

Castello Chiaramonte

Chiese, conventi, etc.

Famiglie e dimore storiche

Personaggi

Feste e tradizioni popolari

Fonti e bevai

Bambini proietti e ruota

Ospedali

Carceri

Sepolture e cimiteri

Macello

Biblioteca e museo

Edicole, croci, epigrafi, etc.

Prime scuole di Favara

Ferrovia

Colera morbus 1866-1867

Guerre

 

Sindaci dal 1819 al 1946

Medici dal XVI al XX sec.

Notai dal XVI al XX sec.

Religiosi dal 1600 al 1800

Arcipreti dal XVI sec. ad oggi

Delinquenti

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

DATE MEMORABILI

di Carmelo Antinoro

 

1530

La chiesa del Carmine era dedicata a S. Antonio abate ed officiata dai Frr. Minori conventuali che abitavano l'attiguo convento.

1574

I Frr. Minori conventuali cedono la chiesa di S. Antonio abate ai Frr. Carmelitani ed al suo interno vengono eretti gli altari dell'Annunziata e S. Antonio da Padova.

1576

Funzionava l'ospedale in una struttura annessa alla chiesa di S. Nicolò.

1602

Viene costruita la chiesa della Madonna della Grazia di Arrigo (detta della Grazia Lontana).

1608 giugno

La madrice di Favara viene elevata ad arcipretura da parte del vescovo Bonincontro.

1625-1626

Favara viene interessata dalla peste bubbonica, con diverse vittime tra la seconda metà del mese di novembre 1625 e la fine di agosto 1626. Tra 1l 16 dicembre 1625 e il 6 luglio 1626 si registrarono 103 decessi per peste e i corpi furono inumati sulla collina S. Francesco.

1626

La peste viene debellata e S. Rosalia (protettrice degli appestati) viene eletta patrona di Favara ed in suo onore viene edificata una chiesa in piazza Cavour (S. Rosalia detta anche del Purgatorio).

1711

Viene completata la chiesa della Madonna del SS. Rosario.

1715

Esposizione in luogo pubblico della testa del ladro Giuseppe Lo Vasco all'interno di una gabbia di ferro.

1727 8 maggio

Si registrano scosse di terremoto.

1754

La struttura medievale di origine chiaramontana viene riadattata a chiesa e dedicata alla Madonna dell'Itria.

1780-1781

Viene costruita la scalinata d'accesso alla chiesa dell'Itria.

1783 5 febbraio

Si registrano scosse di terremoto.

1802

La borgata nata a nord del pianoro di S. Francesco viene totalmente abbandonato.

1808 8 ottobre

Viene giustiziato il brigante Domenico Sajeva.

1810

Costruzione del prospetto della chiesa del Carmine.

1832

Un nembo di cavallette invade e devasta le campagne.

1837

Favara viene colpita dal colera e la preesistente chiesa sul pianoro S. Francesco viene adibita a luogo di sepolture.

1838

Il re Ferdinando II e la regina transitano a Favara nel loro viaggio verso Girgenti.

1859 9 e 16 luglio

Si registrano scosse di terremoto.

1860 13 luglio

Nino Bixio con un battaglione di Garibaldini, marciando da Naro verso Girgenti, passa per Favara.

1861 10/11 maggio

Si registrano scosse di terremoto.

1861 30 luglio

Il Governo italiano emana un decreto sulla leva militare obbligatoria.

1862 14 dic.

Dimostrazione popolare contro il prefetto di Girgenti Falconcini che poi venne destituito.

1863

Iniziano a funzionare la I classe elementare femminile, la III e IV classe maschile.

1864

Viene istituita la II classe femminile ed una scuola serale.

1866

Viene istituita la V classe maschile abbinata alla IV classe già funzionante.

1866 7 dicembre

Scoppia il colera (l'ultimo caso risale al 12 febbraio 1867. Riprende lo stesso anno, il 10 maggio, fino al 10 luglio).

1867

Favara viene colpita dal colera.

1867 7 sett.

Esce il primo numero del giornale Il progresso effettivo - Gazzetta ebdomadaria (fino al 30-8-1868)

1870

Viene aperta la strada Nuova, dalla via Umberto fino alla via cap.le Vullo, attraverso lo sventramento del giardino del collegio di Maria.

1872

Si aprono la III e IV classi maschili

1877 28 febbraio

Viene aperto il cimitero di Piana Traversa ed effettuata la prima sepoltura con fosse a terra dell'infante di 4 anni Antonio Vaccaro.

1881/1889

Le scuole elementari funzionano presso il collegio di Maria.

1882 30 nov.

Viene istituito l'archivio notarile.

1883

Viene aperto l'ospedale nell'ex cenobio di eremiti annesso alla chiesa delle Grazie della Portella (chiuso per mancanza di fondi nel 1933).

1883 agosto/sett.

Viene messo in uso lo stemma di Favara (castello moresco sopra un monte, con sottostante sorgente d’acqua).

1884/1885

Viene costruito il carcere mandamentale (oggi in piazza della Vittoria) dall'Impresa di Calogero Re di Salvatore

1885 dic.

Viene completato e inaugurato il macello di c.da Cicchillo-S. Rosalia (inizio esercizio 12 apr. 1907).

1886 8 marzo

Si posa la prima pietra per la costruzione della chiesa e convento dei frr. Minori sul terreno donato dal barone Antonio Mendola

dicembre 1885/

giugno 1886

Viene costruito il bevaio (l'ultimo) di Giarritella dall'impresa di Calogero Re di Salvatore, con la direzione di Salvatore Dulcetta e la sorveglianza di Antonio La Russa di Giacomo, entrambi tecnici comunali.

1888

Viene aperto il cimitero di c.da Scorsone-Sanfilippo e viene interdetto dalle sepolture quello di Piana Traversa.

1889

Le scuole elementari vengono trasferite in via Bersagliere Urso (nel palazzo Dulcetta).

1889

 Il barone Antonio Mendola iniziata la costruzione dell'orfanotrofio e ospizio per inabili al lavoro sulla collina S. Francesco.

1891 apr.

Viene iniziata la costruzione del seminario.

1892

Il barone Antonio Mendola inizia la costruzione del palazzo sulla collina S. Francesco che destinerà a biblioteca (loculus popularis sapientiae) , museo e asilo infantile.

1892 8 sett.

Viene inaugurato l'orfanotrofio femminile (Boccone del Povero) ad opera del barone Antonio Mendola.

1892 25 dic.

Vengono inaugurati la chiesa e il convento dei Frr. minori Francescani.

1894 7 agosto

Viene inaugurato il seminario.

1897

Il barone Antonio Mendola fa costruire la torretta di guardia cilindrica fra il Boccone del povero e il loculus popularis sapientiae. Detta torretta viene, poi, in maniera ignobile, demolita alla fine del mese di marzo perché l'U.T.C. autorizza la costruzione di un edificio privato.

1908 18 febbr.

Muore il barone Antonio Mendola (nato nella mezzanotte del 16 dicembre 1828)

1904

Padre Innocenzo Bumbalo da Roccapalumba fa realizzare la seconda elevazione del convento dei Frr. Minori.

1906

Viene costruito il mattatoio sulla collina est del paese, in c.da Forche-S. Rosalia

1910 27 febbr.

Per la prima volta viene erogata l'acqua del Voltano.

1921 5 maggio

Inaugurazione della stazione ferroviaria.

1922 23 apr.

Inaugurazione del monumento ai militari favaresi caduti nella prima guerra mondiale.

1922 2 luglio

Arriva la corrente elettrica.

1926

Biblioteca e museo del barone A. Mendola, per volere della figlia Angela, vengono trasferiti da S. Francesco in piazza Cavour. Innanzi la biblioteca viene posto un mezzo busto bronzeo in onore del barone Mendola.

1928 14 sett.

Ha inizio l'opera della S. Vincenzo con animatore Salvatore Pirelli.

1935

Viene elevata a parrocchia la chiesa di S. Vito.

1935 10 febbr.

Viene aperta una scuola per detenuti nel carcere mandamentale.

1937 9 maggio

Viene riaperto l'ospedale nel palazzo sulla collina S. Francesco, che il barone A. Mendola aveva destinato a biblioteca e museo.

1943 14 luglio

Favara viene occupata da un'avanguardia americana.

1950

Viene elevata a parrocchia la chiesa del Transito.

1956 4 agosto

Esce il primo numero del giornale La Voce di Favara con dir. resp.le Gerlando Pecoraro.

1963

Viene demolita la chiesa di S. Calogero.

 

Geneo Storia Favara