panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiosità

01

02

03

04

05

06

 

Annuario di Favara, anno 1905
Poesie di un bambino al padre carcerato
Dall'assedio di Famagosta a Favara
L'omicidio Micari
A strata nova
Antica pescheria
Massoneria a Favara fra il XIX e XX sec.
Leonardo Sciascia e Favara
Il Milite Ignoto ha un nome
Scomparso in mare
Il piccolo attore Ciccio Iacono
Il s.tenente Giuseppe Cirielli
Luca Conoci vittima della ferocia umana
---
---

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

Poesie di un ragazzino al padre carcerato

di Carmelo Antinoro

 

Domenico Montalbano, ragazzino di 11 anni, nell'ottobre del 1891, accompagnava il padre al carcere di Favara per scontare una condanna di sei mesi.

Tornato a casa sconfortato il ragazzino sentì forte il desiderio di mostrare al padre il dolore per la prigionia e scrisse questi versi:

 

Carissimu patri

 La porta 'nfami assai pisanti e dura

si chiusi e nni spartì viventi ancora;

tu rimanisti strittu in quattru mura,

ed iu darrè la porta chianciu ancora;

ni l'occhi mi ristau la to figura,

nni l'oricchi la to duci parola,

e nni lu pettu 'na tali puntura

chi pari ca lu cori mi trafora.

Doppu a lu chiantu di me mamma badu,

cchiù forti di lu miu certu lu cridu,

e perciò pi la casa mi ni vadu,

sebbeni a caminari nun mi fidu,

miraculu pi via comu nun cadu,

ccu l'occhi chini li petri nun vidu;

trovu la mamma, e forsi mi digradu

pirchì, pir finta, mentri chianciu, arridu.

Arridu pi purtarici cunfortu,

e sirenu mi finciu ed anzi spertu;

ci dicu: Pirchì chianci? E' forsi mortu?

E' viventi, in saluti e virrà certu.

Ora ogni ghiornu lu vittu ci portu,

lu carciri è abitatu, 'un è disertu;

si lu purtuni mi chiusiru a tortu,

a se misi sarà di novu apertu.

Ora, patri, tu stai cuntenti e sanu,

semu in saluti e semu a tia vicinu;

lu carciaru nun è tantu luntani,

sutta li mura sugnu ogni matinu;

pi entrari prighirò lu castillanu,

chi è sempri megliu assai di lu bicchinu;

ora finivu e ti vasu li manu,

sugnu to figliu Mimu, lu piccinu.

 

Il carceriere fece entrare il ragazzino e lì stiede tutto il giorno col padre. Il carceriere poi disse al ragazzino che l'avrebbe fatto entrare ogni volta che avesse portato una poesia.

Forte della promessa, Domenico ogni mattina portava una poesia e così poteva stare col padre.

 

Domenico Montalbano nacque a Favara e visse ad Aragona, dove faceva il cantoniere nella conduttura del Voltano e dove morì il 28 Ottobre 1948.

Ha scritto un poema dal titolo: Le ombre romane e tre volumi in versi dialettali:

- Lotta politica fra Gallo e Scaduto, Agrigento, 1906;

- La partenza per l'America, Agrigento, 1912;

- Poesie, 1921;

Domenico Montalbano nell'Aprile del 1901 ha sposato, a Favara, Carmela Cammilleri, da cui ha avuto dei figli, fra cui Carmelo, nel 1908, di professione orefice, sposato a Favara nel 1932 con Anna Saieva, da cui è nato Domenico nel 1933.

Nell'atto di morte ed in quello di matrimonio Domenico Montalbano risulta figlio di ignoti. In realtà, indagando sulla questione, il cognome Montalbano non gli deriva dal padre, ma dalla madre. Dall'atto di battesimo Domenico risulta nato, e battezzato a Favara, il 2 febbraio 1880 da Domenico Vaccaro e Maria Montalbano. Cosa sia successo dopo non ci è dato saperlo.

 

Alcune parti sono state tratte da: Natale Di Roma, Strenna della Poesia Dialettale, anno XVI, vol. II - inviato da Raimondo Lentini da Ribera.

 

Geneo Storia Favara