panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalitÓ

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

CuriositÓ storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiositÓ

01

02

03

04

05

06

 

Storiella scandalosa di Guarino
L'arresto della madre di Guarino
Opunzie galeotte
Il ragazzo fenomeno suicida
Visse un piccolo genio a Favara
Prima automobile a Favara
Liti e questioni sull'ereditÓ MulŔ
Deli: natura incontaminata?
Patania, pittore della borghesia favarese
Vicenzu u mutu
150.mo dell'Unificazione
Un angioletto volato in cielo
Un coraggioso appuntato di P.S.
Stefanu Cuppularu
Figlio di un dio minore

 

 

Carmelo Antinoro ę 2008

 

 

Vicenzu u mutu: da lurido scimunito a pupo di zucchero

di Carmelo Antinoro

 

Tra la seconda metÓ del 1800 e la prima metÓ del 1900 a Favara esisteva una rinomata dolceria e caffetteria, poi anche ristorante e albergo, di don Francesco (CecŔ) Albergamo prospiciente piazza Cavour e via Belmonte, confinante con la chiesa del Purgatorio (v. foto con campitura rossa).

Ogni anno, nel periodo di Natale, CecŔ Albergamo realizzava una bella esposizione di dolci, illuminata ad acetilene, tale da tenere occupati bambini e fanciulli che guardavano allampanati, senza sapere distaccarsene. C’era il ben di Dio, dolci d’ogni fattura, forma e colore: di riposto, biscotti, savoiardi, mostaccioli di Palermo ed altri, ma ci˛ che colpiva maggiormente l’attenzione erano i “frutti di Martorana” e la “Cena”. La “Cena” era una collezione di “pupi” gettati a stampo, di zucchero leggermente acidulato, vuoto di dentro, nelle varie forme: ballerine, animali, soldati, bimbi vestiti e nudi, etc. Ogni anno don CecŔ Albergamo si studiava per realizzare ed esporre oggetti capaci di attirare l’attenzione.

Una volta mise un bel gallo ed altri animali quasi a grandezza naturale, di belle forme e di vari colori. Per il Natale del 1901 ha avuto la brillante idea di mettere un gran “pupo” imitante un personaggio notissimo al popolo favarese: “Vicenzu u mutu”, un povero scimunito brutto, lacero, pidocchioso, ludibrio dei monelli e bersaglio della crudeltÓ dei malvagi. Per essere troppo noto e facilmente identificabile a “Vicenzu u mutu”, questo “pupo” richiama l’attenzione e suscitava il barbaro applauso dei monelli e della gentaglia che si accalcava per vederlo.

Tanti bambini, desiderando questi “pupi” e tanti altri dolci stuzzicanti la gola, si rodevano dentro per non poterli comprare e guardavano desiderosi da fuori la vetrina. Per certi versi era come se don CecŔ sottoponesse quei bambini ad un martirio, come se li condannasse al dolore, al rammarico, quasi alla disperazione. ChissÓ quei poverini come andavano a letto, come sognavano e come rimpiangevano il loro stato d’impossibilitÓ di soddisfare i loro piccoli, innocenti desideri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara