panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiosità

01

02

03

04

05

06

 

Storiella scandalosa di Guarino
L'arresto della madre di Guarino
Opunzie galeotte
Il ragazzo fenomeno suicida
Visse un piccolo genio a Favara
Prima automobile a Favara
Liti e questioni sull'eredità Mulè
Deli: natura incontaminata?
Patania, pittore della borghesia favarese
Vicenzu u mutu
150.mo dell'Unificazione
Un angioletto volato in cielo
Un coraggioso appuntato di P.S.
Stefanu Cuppularu
Figlio di un dio minore

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

La prima automobile a Favara

di Carmelo Antinoro

 

Qualcuno si è mai chiesto chi (e quando) ha introdotto la prima automobile a Favara? È accaduto in una giornata fredda d’inverno, esattamente il 3 marzo (lunedì) 1902. L’ha fatta arrivare col treno, da Palermo ad Aragona Caldare, Stefano Cafisi (di Giuseppe), allora proprietario del castello. Dalla stazione di Aragona Caldare è venuta con le proprie ruote fra tante difficoltà dovute principalmente alla strada non adatta. Faceva da chauffeur un certo Indelicato. Portata in piazza Cavour per essere depositata in uno dei magazzini di Cafisi è stata presa d’assalto da tanti bambini e curiosi. Il mercoledì successivo fece la prima sortita in piazza, con alla guida Emanuele Graziano, genero del Cafisi. L’automobile era una FIAT, un meccanismo imperfetto, ancora in fase embrionale. Il giovedì successivo ha percorso alcune vie di Favara. In piazza si è fermata per guasti; poi è arrivata fino al boccone del povero, percorrendo per la prima volta la strada rotabile Itria-S. Francesco. Prima saliva al passo di un’ordinaria carrozza, allo scendere sembrava una locomotiva a vapore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara