panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiosità

01

02

03

04

05

06

 

Storiella scandalosa di Guarino
L'arresto della madre di Guarino
Opunzie galeotte
Il ragazzo fenomeno suicida
Visse un piccolo genio a Favara
Prima automobile a Favara
Liti e questioni sull'eredità Mulè
Deli: natura incontaminata?
Patania, pittore della borghesia favarese
Vicenzu u mutu
150.mo dell'Unificazione
Un angioletto volato in cielo
Un coraggioso appuntato di P.S.
Stefanu Cuppularu
Figlio di un dio minore

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

Stefanu Cuppularu

di Carmelo Antinoro

 

Stefano Di Salvo alias CuppularuDi Salvo Stefano, alias Cuppularu (v. foto), nacque a Favara il 16 maggio 1918 da Stefano (figlio di Filippo del quartiere S. Michele di Girgenti) e Angela Galiano (di Diego e Brigida Castronovo).

Dopo avere perso il lavoro di custode del gabinetto pubblico, fu coinvolto in un attentato a Palermo ed arrestato; ma non passò molto tempo e fu rimesso in libertà. Abitava alle spalle della chiesa del Purgatorio in mezzo alla sporcizia e nel fetore. Trascorse una vita di stenti e miserie, avendo solamente i cani come amici fedeli, con i quali dormiva, mangiava e dialogava. Usciva la mattina di buon ora per strada, con al seguito i suoi cani, a cercare nei quartieri,Stefano Di Salvo alias Cuppularu tra i rifiuti, qualcosa di utile da raccogliere per andarlo a vendere e, con i soldi, racimolare un fugace pasto.

Stefano Di Salvo, capellone spontaneo, può ritenersi uno dei primi uomini Hippy in Italia. Animava il Carnevale esibendosi, qualche volta, solitario in danze e ritmi, accompagnato dal suono di un giradischi. Sapeva dipingere e tanti studenti spesso ricorrevano a lui per i disegni. Di indole buona, non infastidiva mai nessuno e, di contro, spesso dei bulli lo schernivano.

I suoi ultimi giorni furono rattristati dalla cecità e si spense nella solitudine il 10 gennaio 1993.

 

Raimondo Presti da Genova, Maurizio Piscopo da Palermo e Pino Bullara da Favara lo ricordano con le seguenti poesie.

 

Stefano Di Salvo alias Cuppularu

 

U zingaru pueta

(di Raimondo Presti da Genova)

Stefanu Cuppularu abbaiava a luna

 e pisciava contro i muri senza luci

arrubbava storia e cultura ni i cristiani

 e màccicava a sò vita di zingaru pueta.

Ai cani ci parlava di Montale,

 Schopenhauer, Pirandellu e Dostoevskij,

s’addrummisciva cu a luci da cannila

cunzumannusi comu a vita ca faciva.

Firriava pi i vaneddri cu i sò cani

liggennu tuttu chiddru ca putiva

si ci parlavi un t’arrispunniva

aviva pinzeri anti pi sintiri.

Stefanu Cuppularu parlava cu a luna

E ci cuntava i sò sonni cchiù ammucciati

ci dicivanu lordu pirchì un si lavava

ma aviva l’arma cchiù pulita da lisciva.

U vitti firmari u ventu cu i sò mani

u sintivu parlari cu Diu n’ginucchiuni

l’ascuntavu sintennuci diri cumedii di palòri

e chiangennu ricitari a memoria puisii.

Parlava cu i cani e sputava a luna

pisciannu contruventu a sò svintura

s’addrummiscì n’zemmula a i sò sonni

c’arristaru strazzati mezzu a i strati.

 

Lo zingaro poeta

(di Raimondo Presti da Genova)

Stefano Coppolaro abbaiava alla luna

e urinava contro i muri senza luce

rubava storia e cultura dalle persone

masticando la sua vita di zingaro poeta.

Ai cani lui parlava di Montale,

di Schopenhauer, Pirandello e Dostoevskij,

si addormentava con la luce di una candela

che si consumava come la vita che faceva.

Girava i quartieri con i suoi cani

leggendo tutto quello che gli capitava

se gli parlavi non ti rispondeva

perché aveva pensieri alti per sentirti.

Stefano Coppolaro parlava con la luna

raccontandogli i suoi sogni più nascosti

gli dicevano sporco perché non si lavava

ma aveva l’anima più pulita della lisciva.

L’ho visto fermare il vento con le mani

l’ho sentito parlare in ginocchio con Dio

gli ho sentito dire aquiloni di parole

è piangendo recitare poesie a memoria.

Parlava con i cani e sputava alla luna

pisciando controvento e alla sua sventura

si è addormentato insieme ai suoi sogni

che sono rimasti strappati per terra.

Stefano Di Salvo alias Cuppularu

 

Stefano Di Salvo alias Cuppularu

 

La ballata di Stefaninu Cuppularu

(di Maurizio Piscopo da Palermo)

Ca a la Favara sugnu amatu e caru

iu sugnu Stefaninu cuppularu

e vivu e campu mezzu un munnizzaru

primu cuscinu di lu Gibilaru.

 Sintennu ca lu chiummu avia crisciutu

finu a Germania si nn'havia scappatu

a Cicchiddru mezzu mortu fu truvatu

di li so cani stessi fu sarvatu.

Cu li cagnoli pronti e ammaestrati

a Stefanu u viditi mezzu i strati

arriva sempri cu lu passu moddru

è Stefaninu cu lu saccu n'coddru.

La ballata di Stefanino Coppolaro

(di Maurizio Piscopo da Palermo)

Qui a Favara sono amato e caro

io sono Stefanino coppolaro

e vivo e campo in mezzo all'immondezzaio

primo cugino di Gibilaro

Sentito che il piombo era salito

fino in Germania era scappato

a Cicchillo mezzo morto è stato trovato

dei suoi stessi cani è stato salvato

Con i cagnolini pronti e ammaestrati

a Stefano lo vedete in mezzo alle strade

arriva sempre col passo leggero

è Stefano col sacco sulla spalla

 

Stefanu Cuppularu

 (di Pino Bullara)

Com'eranu puliti misi na carruzzeddra!

A nica, ca cuppuliddra, era troppu beddra!

I cchiù grossi e 'ranni mi currivanu davanti,

ma i' vuliva beniri propriu a tutti quanti.

 Chiddri nicareddri mi firriavanu 'ntunnu 'ntunnu,

nuddru era cchiù cuntentu di mia, ni 'stu munnu.

Un tozzu 'i pani, 'u truvava 'n tutti i vaneddri,

m'abbastava pi sfamari a mia e i me cagnuleddri.

Chista era la me vita. Nun appi ma' pritinzioni.

A tutti purtavu rispettu e avia tanta  'ducazioni.

A mia però, mi piaciva stari cu i me cani:

eranu cchiù amurusi iddri, ca no 'i cristiani.

Stefano Coppolaro

 (di Pino Bullara)

Com'erano puliti messi nella carrozzina!

La piccola, con la coppolina, era troppo bella!

I più grossi e grandi mi correvano davanti,

ma io volevo bene proprio a tutti quanti.

Quelli piccoli mi giravano intorno,

nessuno era più contento di me, in questo mondo.

Un tozzo di pane, lo trovavo in tutte le strade,

mi bastava per sfamare me e i miei cagnolini.

Questa era la mia vita. Non ebbi mai pretese.

A tutti portavo rispetto e avevo tanta  educazione.

A me però, piaceva stare con i miei cani:

erano più affettuosi loro, che le persone.

 

Geneo Storia Favara