panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalitą

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiositą storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiositą

01

02

03

04

05

06

 

Primo cinematografo a Favara
Miracolo clandestino di S. Calogero
Ambrosini e il pesce di Aprile
Esordio della Democrazia Cristiana
Il giusto nome della villa liberty
I pappagalli di donna Momma
Visse un ricco spagnolo
Ammoniti di 200 milioni di anni
Via P. Belmonte da correggere
La cisterna dei morti di colera
Il cimitero sotto la madrice
Reliquie sante al Purgatorio
Accadde a Gioacchino La Lomia
I figli di nessuno
Assassinio nella madrice

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

Visse un ricco spagnolo 400 anni fa a Favara

di Carmelo Antinoro

 

Nelle lunghe ricerche sulle famiglie favaresi dalla metą del 1500 in poi mi sono imbattuto in un ricco soldato di milizia a cavallo, di Madrid (Spagna), tra la fine del 1500 e la prima metą del 1600 presente a Favara, dove nel 1595 ha sposato la favarese Palma Adamo. Il ricco soldato si chiamava Diego Fuentes (o Fontes), nato nel 1557, morto nel 1617 e sepolto nella chiesa dell’Itria. Nel 1617 aveva al suo servizio 15 fra servi, garzoni, bovari, giumentari, porcari e schiavi anche di colore. Nel 1616 ne aveva 34 (fra cui 10 schiavi). Possedeva molti animali e, tra i terreni, dei vigneti nel feudo di Stefano ed in quello di Favara, in particolare nella contrada delle grotte del Sollazzo (che doveva comprendere l’attuale piazza Capitano Vaccaro – calvario - e tutta la zona urbanizzata a nord). Nella via Lunga (oggi via Umberto) possedeva intorno a 30 corpi di case, ed altre sparse nella zona di S. Lucia e S. Vito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara