panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiosità

01

02

03

04

05

06

 

Primo cinematografo a Favara
Miracolo clandestino di S. Calogero
Ambrosini e il pesce di Aprile
Esordio della Democrazia Cristiana
Il giusto nome della villa liberty
I pappagalli di donna Momma
Visse un ricco spagnolo
Ammoniti di 200 milioni di anni
Via P. Belmonte da correggere
La cisterna dei morti di colera
Il cimitero sotto la madrice
Reliquie sante al Purgatorio
Accadde a Gioacchino La Lomia
I figli di nessuno
Assassinio nella madrice

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

La cisterna dei morti di colera in piazza d'Armi

di Carmelo Antinoro

 

Piazza D'ArmiDurante il colera del 1837 che invase Favara, si proibirono le sepolture all’interno delle chiese ricadenti dentro il centro abitato e tutti i cadaveri vennero portati nella chiesa dei frati francescani (da non confondere con la chiesa attuale), sulla collina S. Francesco.

Presto le cripte della chiesa si riempirono, al punto che i corpi degli estinti rimasero insepolti sul pavimento della stessa chiesa. Stante l’urgenza, il sindaco, con promessa d’acquisto fatta al proprietario di un giardinello limitrofo, disponeva l’uso immediato di una grande cisterna interrata (che serviva per l’approvvigionamento idrico del convento francescano) per la tumulazione dei cadaveri e presto veniva trasformata in immane fossa comune. Stante ai documenti la cisterna doveva (anzi, dovrebbe, visto che è ancora esistente) avere la dimensione di 33 m. (non si capisce, però, se riferita al diametro o alla circonferenza. Dopo vari reclami da parte del proprietario, nel 1839, l’Amministrazione Comunale acquistava il giardinello (che, considerando lo spazio occupato dalla preesistente chiesa e convento, grosso modo coincide con lo spazio dell’attuale piazza D’Armi, dietro l’attuale convento. Tra la fine di aprile e la metà di luglio del 1891 il Comune faceva esumare i resti mortali esistenti fra i crollanti muri dell’antica chiesa e ne disponeva la collocazione nella cripta appositamente costruita sotto la navata della chiesa S. Antonio da Padova afferente l’attuale convento francescano. Qualche anno fa, al centro della piazza d’Armi era sprofondato per circa un metro l’imboccatura della cisterna scavata nella viva roccia. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara