panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiosità

01

02

03

04

05

06

 

Primo cinematografo a Favara
Miracolo clandestino di S. Calogero
Ambrosini e il pesce di Aprile
Esordio della Democrazia Cristiana
Il giusto nome della villa liberty
I pappagalli di donna Momma
Visse un ricco spagnolo
Ammoniti di 200 milioni di anni
Via P. Belmonte da correggere
La cisterna dei morti di colera
Il cimitero sotto la madrice
Reliquie sante al Purgatorio
Accadde a Gioacchino La Lomia
I figli di nessuno
Assassinio nella madrice

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

Ammoniti di 200 milioni di anni a Favara

di Carmelo Antinoro

(con il contributo del geologo Giuseppe Presti)

 

Il museo Gemmellaro, sezione del Dipartimento di Geologia e Geodesia di Palermo (sito in Corso Tukory, 131) raccoglie una buona quantità di ammoniti del Giurassico (205-135 milioni di anni fa), fra cui alcune provenienti dalla contrada Burgelamone (molto probabilmente dalla zona più recentemente urbanizzata, immediatamente a valle dell’inizio di via A. Moro). In particolare, le varietà riportate nella foto sono state ritrovate tra il 1868-1872.

Durante il Giurassico il supercontinente Pangea iniziò a frantumarsi e la parte settentrionale si separò da quella meridionale. L’Australia e l’Antartide si staccarono dal Sudamerica e Africa e il mare s’incanalò tra Europa e Asia. Questa avanzata dei mari determinò un’esplosione di forme di vita marina e in particolare delle Ammoniti, evolutesi dai cefalopodi a spirale e diventate predatrici. Le loro conchiglie vuote ricoprirono vastissime aree del fondo marino e queste, fossilizzandosi formarono vere e proprie rocce. Le Ammoniti avevano la conchiglia a forma di spirale con notevoli camere ripiene di gas che garantivano la galleggiabilità. Erano dotate di tentacoli per catturare le prede e dal sifone, un organo piegato a tubo che aveva in compito di motore propulsore, con il quale l’animale, pompando acqua si muoveva. Sono stati gli invertebrati marini più efficienti fino all’epoca dell’estinzione dei dinosauri, 65 milioni di anni fa.

 

Tav. VI

Ammoniti di 200 milioni di anni a Favara

Determinazxione originale Gemmellaro 1882

Revisione sistematica

Fig. 1      Oppelia Holbeini (Oppel, 1863) Dintorni di Favara

Taramelliceras compsum compsum (Oppel)

Fig. 2 (a,b) Oppelia pugilis (Neumayr, 1871) Dintorni di Favara

Taramelliceras (Taramelliceras) pugile (Neumayr, 1871)

Fig. 3 Oppelia compsa (Oppel, 1863)

Dintorni di Favara

Taramelliceras (Taramelliceras) compsum (Oppel, 1863)

Fig. 4 (a,b) Oppelia subcallicera (Gemmellaro, 1872) Dintorni di Favara

Taramelliceras (Taramelliceras) subcallicerum  (Gemmellaro, 1872)

Fig. 5 Oppelia Erycina (Gemmellaro, 1872)

Dintorni di Favara

Taramelliceras (Taramelliceras) compsum (Oppel, 1863)

Fig. 6 (a,b) Oppelia Frotho (Oppel, 1862

Dintorni di Favara

Streblites folgaricus (Oppel, 1863)

Fig. 7 (a,b)-8 (a,b) Simoceras Agrigentinum

(Gemmellaro, 1872) Dintorni di Favara

Nebrodites agrigentinus agrigentinus (Gemmellaro, 1872)

 

Tav. VII

Ammoniti di 200 milioni di anni a Favara

Determinazxione originale Gemmellaro 1882

Revisione sistematica

Fig. 1      (a,b)-2 Oppelia platyconcha (Gemmellaro, 1872) Dintorni di Favara

Taramelliceras (taramelliceras) platyconcha  (Gemmellaro)

Fig. 3-4 Simoceras Cavouri (Gemmellaro, 1872)

Dintorni di Favara

Mesomiceras cavouri (Gemmellaro, 1872)

Fig. 5 (a,b)-6 Simoceras rachistrophum (Gemmellaro, 1872) Favara

Simosphinctes (ceratosphinctes) rachistrophus (Gemmellaro)

Fig. 7 (a,b), 10 Aspidoceras meridionale (Gemmellaro, 1872)  Favara

Aspidoceras binodum  (Oppel, 1863)

Fig. 8 (a,b) Aspidoceras acanthicum (Oppel, 1863)  Favara

Pseudowaagenia gemmellarroensis n.sp. (Oloriz, 2002)

Fig. 9  Aspidoceras acanthicum (Oppel, 1863) Dintorni di Favara

Apistoceras acanthicum (Oppel, 1863)

 

Tav. VIII

Ammoniti di 200 milioni di anni a Favara

Determinazxione originale Gemmellaro 1882

Revisione sistematica

Fig. 1      Phylloceras isotypum (Benecke, 1865) C.da Burgilamuni, Favara

Phylloceras (Phylloceras) isotypum  (Benecke, 1865)

Fig. 2 (a,b)-3 Lytoceras Orsinii (Gemmellaro, 1872) C.da Burgilamuni, Favara

Lytoceras Orsinii (Gemmellaro, 1872)

Fig. 4 (a,b,c) Simoceras favaraense (Gemmellaro, 1872) C.da Burgilamuni, Favara

Nebrodites favaraensis  (Gemmellaro, 1872)

Fig. 5 (a,b) Simoceras Cafisii (Gemmellaro, 1872)

Dintorni di Favara

Nebrodites cafisii  (Gemmellaro, 1872)

Fig. 6  Simoceras peltoideum (Gemmellaro, 1872)

C.da Burgilamuni, Favara

Simoceras peltoideus (Gemmellaro, 1872)

Fig. 7  Perisphinctes adelus

C.da Burgilamuni, Favara

Trapaneistes adelus (Gemmellaro, 1872)

 

Tav. IX

Ammoniti di 200 milioni di anni a Favara

Determinazxione originale Gemmellaro 1882

Revisione sistematica

Fig. 1(a,b)-2(a,b) Phylloceras Empedoclis (Gemmellaro, 1872) Dintorni di Favara

Calliphylloceras empedoclis (Gemmellaro, 1872)

 

Le tavole sopra riportate fanno parte del volume "Tavole" Sopra alcune faune giuresi e liasiche della Sicilia - studi paleontologici di Gaetano Giorgio Gemmellaro, Regione Siciliana, Ass.to Reg.le BB. CC., AA. e P. I., Dip.to BB. CC., AA. e Educaz. Perm.te, ristampa, 2007.

 

Geneo Storia Favara