panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiosità

01

02

03

04

05

06

 

Primo cinematografo a Favara
Miracolo clandestino di S. Calogero
Ambrosini e il pesce di Aprile
Esordio della Democrazia Cristiana
Il giusto nome della villa liberty
I pappagalli di donna Momma
Visse un ricco spagnolo
Ammoniti di 200 milioni di anni
Via P. Belmonte da correggere
La cisterna dei morti di colera
Il cimitero sotto la madrice
Reliquie sante al Purgatorio
Accadde a Gioacchino La Lomia
I figli di nessuno
Assassinio nella madrice

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

Ambrosini incappato in un bel pesce d’aprile

di Carmelo Antinoro

 

Nel 1906 a Favara quasi non si pensava più al pesce d’aprile, le miserie e le afflizioni da un pezzo avevano tarpato le ali al genio burlesco della popolazione.

All’inizio del mese di aprile, quando nessuno se l’aspettava arrivava un bel pesce: una lettera diretta a Giovan Battista Ambrosini (originario di Nola, padre del più noto costituzionalista Gaspare), ex maresciallo dei CC. ed in quel periodo esattore delle imposte dirette a Favara.

La lettera arrivava da Napoli, a firma dell’on. Nicolò Gallo ed annunziava allo spasimante di medaglie che Sua Maestà lo aveva decorato con le insegne di cavaliere e soggiungeva di dover ringraziare il prefetto di Girgenti, il sindaco, l’assessore Lentini e il delegato di P. S. di Favara. Ecco il pesce entrato nel porto di Ambrosini tanto ambizioso di vanità, quanto ingenuo e avaro. Se non ci fosse stato impresso a stampa sulla busta “Camera dei Deputati” il pesce non avrebbe abboccato, ma siccome l’ambizione spesso vince l’avarizia, Ambrosini fu ben lieto di sborsare i soldi per la tassa della lettera, beatificandosi e portando la felice notizia a parenti e amici.

Il corrispondente Spadaro assaporò un pezzettino di questo pesce spedendo la notizia per la pubblicazione al Giornale di Sicilia. La signora Carmela Lentini (moglie di Ambrosini) direttrice delle scuole elementari femminili riceveva congratulazioni e ringraziava.

Quando Ambrosini andò a ringraziare il sindaco, l’assessore Lentini e il delegato di P. S. e tutti si mostrarono assolutamente ignari ed estranei al fatto, cominciò ad insospettirsi. Spedì lettere e telegrammi a Napoli e a Roma, ma tutto fu silenzio. Il pesce era stato già digerito dai birboni che lo avevano fatto cadere nella loro rete.

Ambrosini in fin dei conti era una buona persona e forse non meritava una simile burla, ma è un duro fato che ai vanitosi spesso toccano questi bocconi amari, queste disillusioni ridicole e quel che è più umilianti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara