panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Personaggi

Viollet Le Duc a Favara nel 1836

Gallego primo fotografo agrigentino
Provenzani: vite d'artisti strampalati
Il barone Agostino La Lomia
Alessio Di Giovanni malopagatore
Suicida per amore o spavalderia
Un personaggio straordinario
Storiella scandalosa di Guarino
L'arresto della madre di Guarino
Il piccolo attore Ciccio Iacono
Il Sottotenente Giuseppe Cirielli
Luca Conoci vittima della ferocia umana
Il pittore Emilio Claudio Buonpensiere
Alexander Dumas filius populi Fabariae
Visse un ricco spagnolo a Favara
Morte di don Liddu
Ucciso a furor di popolo
La caffetteria Umberto
Primavere che non verranno più
Il barone Mendola si racconta
Leonardo Sciascia a Favara
L'omicidio Micari
Patania, pittore della borghesia favarese
Vicenzu u mutu
Elena Gaudio: un angioletto volato in cielo
Un coraggioso appuntato di P. S.
Stefanu Cuppularu
Il ragazzo fenomeno suicida
Visse un piccolo genio a Favara
Il trattato del barone Mendola
Ambrosini e il pesce di Aprile
Liddruzzu nel film di Pietro Germi
Pasquale Andreoli: una vita da romanzo
La stele del B.ne Mendola trafugata
Mura e futtitinni
Amministratori ignoranti e senza pietà
Favara città dei vivi e dei morti
Demolita torretta del 1897
C'era una volta un casello
Favara: indignarsi è un dovere
I dipinti di Farruggia
Favara: uno Stato nello Stato
Costruire comunque e ovunque
Favara che scompare
Non ci cambierà nessuno
Cose da profondo sud al cimitero

 

Fatti storici

Garibaldini favaresi
Suppliche al Duce per confinati
Favara nei moti del 1411
Assassinio nella madrice
Atto di obbedienza del Comune
150.mo dell'Unificazione
Memoria di un turbine
Scomparso in mare
La cisterna dei morti di colera
Il cimitero sotto la madrice
Opunzie galeotte
Prima automobile a Favara
Sotto l'usbergo dei Frati Minori
Dall'assedio di Famagosta a Favara
Annuario di Favara, anno 1905
Deli: natura incontaminata?
A strata nova
Antica pescheria
Il Milite Ignoto ha un nome
Una passeggiata ciclistica nel 1898

 

Storie popolari

Parti plurigemellari a Favara
La vera storia dei linticchieddri
Lotta fra bande
La mangiata dei santi
Il falso blasone dei Fanara
"Sì, sarà vostra moglie"
Suppliche di una donzella al padre
Sposata per forza
Nomignoli dal "500 al "900
A Piana Traversa come sul Milvio
La nevicata del "56
Scintille di ricordi
Genealogia dei favaresi e Pullara
Antico viaggiatore a Favara
I figli di nessuno
Poesie di un bambino al padre carcerato
"Levate a cammisella"
Primo cinematografo a Favara
Esordio della Democrazia Cristiana
I pappagalli di donna Momma
Via P. Belmonte da correggere
Il giusto nome della villa liberty
Liti e questioni sull'eredità Mulè
Una lapide per davanzale
Una breve storia

 

Personaggi ed eventi religiosi

Missione redentorista del 1762
Un cardinale agrigentino dimenticato
Papa Giovanni XXIII a Favara
Reliquie sante al Purgatorio
Accadde a Gioacchino La Lomia
Figlio di un dio minore
Una chiesa divenuta macelleria
Miracolo clandestino di S. Calogero

 

Arte e tradizioni popolari

Bestiario favarese
Simboli sacri/massonici madrice
Favara: storia, arte, massoneria
Massoneria a Favara fra il XIX e XX sec.
Ammoniti di 200 milioni di anni
La lapide nel posto sbagliato
Fra i dipinti del Palazzo Mendola
La febbre del lotto
Esequie al cimitero di Piana Traversa

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

Le ossa dei colerosi sotto l’usbergo dei frati Minori di Favara

di Carmelo Antinoro

 

Ossa nella cripta della chiesa S. Antonio da Padova sulla collina S. FrancescoAgli albori dello sviluppo urbano di Favara, durante il periodo di missione dei fraticelli francescani, dal 1530 al 1574, il primo nucleo, sorto ai piedi del castello, fra le vie del Transito e S. Nicolò, che contava meno di cinquecento anime, si è quadruplicata. All’inizio i frati minori presero stanza nel convento del Carmine, anticamente dedicato a S. Antonio da Padova e poi all’Annunziata. Nel 1574 lo abbandonarono e si trasferirono sull’ameno pianoro della collina che ha preso il nome del fraticello d’Assisi, dove eressero, alla sua gloria, un altro conventino con la chiesa sotto il titolo di S. Antonio Abate, mentre il convento del Carmine veniva occupato dai Carmelitani.

Tra la seconda metà di novembre 1625 e la fine agosto 1626 la peste fece registrare un congruo numero di vittime ed i corpi furono inumati sulla collina S. Francesco, nella terra a sud-est dell’attuale piazzale, che nel corso dei secoli assunse il triste nome di “terra dei morti”. Nonostante tutto, la presenza del piccolo convento sull’omonima collina, tra la seconda metà del 1600 e la seconda metà del 1700, ha foraggiato la formazione di un nucleo di abitazioni, un villaggio che sembrava destinato a crescere. Purtroppo la sorte di questo borgo non è stata prospera, perchè il Comune nei periodi epidemici di colera del 1637 e del 1867, ha utilizzato quella collina per la sepoltura dei morti. Col passare degli anni il convento ha subito degli alti e bassi; i forti miasmi che scaturivano dai cadaveri mal sepolti ammorbavano l’aria e più volte i frati furono costretti a lasciare il loro convento. Anche le famiglie che da tanti decenni abitavano il piccolo borgo, nel tempo, sono stati costretti a trasferirsi all’interno dell’abitato. Si legge, in proposito, in una delibera consiliare del 29 dicembre 1889: ..... allettati dalla bella e salutare posizione i Favaresi a poco a poco tra la seconda metà del 1600 formarono un grazioso villaggio sulle amene pendici di quella collina ed i nostri vecchi ne ricordano ancora gli avanzi.

Dapprima nel 1837, poi nel 1867, per ragioni di sicurezza, vennero interdette le sepolture nelle chiese all’interno dell’abitato è fu utilizzata la chiesa ormai in rovina sulla collina di S. Francesco, o meglio, nella terra dei morti. In particolare nel 1867 i morti furono tanti (oltre 800), al punto che rimasero insepolti e ammonticchiati a cataste all’interno dei muri crollanti della chiesa, con conseguenze che sono facili immaginare.

Nel 1855 il Comune fece realizzare uno studio da parte dell’ing. Salvatore Gravanti per la realizzazione di un cimitero sulla collina, ma non ebbe seguito per la presenza di roccia affiorante.

Dal 1867 al 1891 (nonostante il cimitero di Piana Traversa già costruito nel 1877) le ossa degli estinti di colera rimasero esposte alle intemperie e quel luogo diventò, soprattutto per i bambini e ragazzi, un luogo di terrore, il luogo dei fuochi fatui. Solo nel 1891, dopo la costruzione del nuovo (quello esistente) convento e la chiesa di S. Antonio Abate dei frati minori, il guardiano del convento e il sindaco di Favara pervennero a un accordo per eliminare quella vergogna e dare sepoltura a ciò che rimaneva degli estinti. Il sindaco ha ceduto un ritaglio di terreno che faceva parte dell’attuale piazzale dietro il convento ed il guardiano del convento fr. Fabrizio Fleres - bella figura di monaco (sic!), di cui parlerò nella prossima pubblicazione - ha autorizzato il Comune a costruire sotto la navata della chiesa un ossario, una grande cripta atta ad accogliere le ossa. Fino agli ultimi lavori di restauro della chiesa, una lapide ricordava (non si capisce perché è stata soppressa) l’avvenimento con la scritta:

 

QUI SOTTO L’USBERGO DEL S. P. FRANCESCO VENERATE RELIQUIE DEI DEFUNTI ESUMATE DAL VICINO DEMOLITO CIMITERO ASPETTANDO LA RESURREZIONE DEI GIUSTI

<< >>

PIETOSI UNA FERVIDA PRECE PER LE LORO ANIME BENEDETTE

1899