panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiosità

01

02

03

04

05

06

 

Fra i dipinti del Palazzo Mendola
Un personaggio straordinario
La mangiata dei santi
Alexander Dumas filius populi Fabariae
Genealogia dei favaresi e Pullara
Simboli sacri/massonici madrice
Favara: storia, arte, massoneria
Il barone Mendola si racconta
Il Trattato del barone Mendola
"Levate a cammisella"
Antico viaggiatore a Favara
Sotto l'usbergo dei Frati Minori
Una chiesa divenuta macelleria
La febbre del lotto
Memoria di un turbine

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

"Levate a cammisella"

   di Carmelo Antinoro

 

In occasione della fiera di ottobre 1903 un gruppo di canzonettiste, com'era uso, in piazza Cavour, a Favara, tenne alcuni dei soliti concerti, dove si cantavano le più o meno scollacciate canzonette.

Durante una di queste rappresentazioni, uno zolfataio, con insistenza ha chiesto alla cantante Gemma Rossi di 23 anni da Firenze, la tanto vecchia canzonetta "Levate a cammisella". Lei oppose un rifiuto; ma non l'avesse mai fatto, questa semplice negazione recò offesa mortale allo zolfataio, il quale estrasse la rivoltella e scaricò alcuni colpi all'indirizzo della Rossi e dell'impresario Salvatore De Maria di anni 28 da Cerda. La prima rimase ferita lievemente ad un dito di una mano, mentre il De Maria rimase gravemente ferito al torace, con lesione al polmone. A questa scena seguì una fuga generale degli spettatori, mentre i feriti si misero a gridare finché furono uditi da alcuni cittadini che si trovarono in piazza, i quali prestarono i primi soccorsi.

La pubblica sicurezza individuò subito i responsabili e procedette all'arresto di Carmelo Tinaglia di Giovanni di anni 28, di Leonardo Fiascone di anni 30, entrambi di Favara, e Leonardo Polipo di anni 30, inteso "Turiddu Franculinu" da Racalmuto, i primi due furono cooperatori immediati e l'ultimo esecutore materiale del ferimento. Il Polipo, individuo di bassa statura, con lungo ciuffo di capelli e brutto in viso, reo confesso, con ributtante cinismo, ha ricostruito la scena nei termini di seguito descritti.

Il Polipo si trovava in compagnia dei suoi amici in quel locale canzonettistico, quando avendo inteso diverse canzonette, richiese "Levate a cammisella". La chanteuse oppose un rifiuto, anzi ordinò che finisse lo spettacolo. Il Polipo allora uscì e si recò a casa ad armarsi e ritornò nel locale nel momento che si dava principio ad un altro spettacolo. Richiese nuovamente la desiderata canzone e tanto De Maria, quanto la Gemma persistettero nel negarsi perché quella canzone si trovava fra quelle censurate dal delegato di P. S. Inoltre, secondo quanto detto dal Polipo, il De Maria gli avrebbe detto; "Falla cantari a tò soru". A questo punto estrasse l'arma e scaricò all'indirizzo della coppia De Maria-Rossi cinque colpi, mentre gli spettatori, oltre un centinaio, fuggirono da quel ritrovo.

Il Polipo, messosi al braccio di uno dei due amici che lo fiancheggiavano, con la massima disinvoltura uscì dal gabinetto canzonettistico ed incontrò suo cognato, tale Puma Giovanni di anni 12, a cui consegnò l'arma ancora fumante, incaricandolo di portarla alla famiglia e come nulla fosse avvenuto, si è messo a passeggiare per la piazza fino a ora tarda.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara