panorama
GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Archivio curiosità

01

02

03

04

05

06

 

Suicida per amore o spavalderia
Papa Giovanni XXIII a Favara
Il falso blasone dei Fanara
"Sì, sarà vostra moglie"
Atto di obbedienza del Comune
Suppliche di una donzella al padre
Sposata per forza
Primavere che non verranno più
Ucciso a furor di popolo
Nomignoli dal "500 al "900
A Piana Traversa come sul Milvio
La nevicata del "56
Scintille di ricordi
La lapide nel posto sbagliato
La caffetteria Umberto

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

A Piana Traversa come sul ponte Milvio

di Carmelo Antinoro

 

Cappella Genco nel cimitero di Piana Traversa.Da diverso tempo è consuetudine che due persone che si giurano amore eterno agganciano un lucchetto in una catena nel lampione centrale di ponte Milvio, sul Tevere, o in altri ponti, e gettare poi la chiave nel fiume, tale da rendere simbolicamente infrangibile il loro amore.Come sul ponte Milvio, anche a Favara due persone hanno legato il loro lucchetto, uno ciascuno, in una catena che chiude la porta di una gentilizia al cimitero di Piana Traversa. Qualcuno potrebbe pensare "Si saranno giurati amore eterno!"; niente affatto. Due persone hanno deciso di mettere un proprio lucchetto perché si contendono una cappella gentilizia da molti anni abbandonata. Trattasi della cappella della famiglia di Francesco Genco (di Paolo e Francesca Messina da Mussomeli), sposato con Rosalia Di Benedetto. Da parte dei figli Vincenzo Genco sposato con Andreana Calzarano nel 1938 e Maria Antonia Genco, sposata con Calogero Montalbano (vedovo di Calogera Contino) nel 1908 pare non ci sia stata discendenza. L'annoso stato di abbandono e degrado sembrerebbe quindi avvalorata dalla mancanza di eredi. All'interno della gentilizia sono presenti due salme estranee alla famiglia Genco: quelle dell'arciprete Pirrera (1864-1953) e del sac. Luigi Arnone (1892-1962).

Ai posteri dunque l'ardua sentenza.

 

Nella foto della cappella Genco allegata si noti la scossalina sul coronamento del prospetto, realizzata,  ahimè,  con lapidi marmoree.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Geneo Storia Favara