panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalitą

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiositą storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Cognomi in ordine alfabetico

 A  B   D-E         L  

 M  N-O   P-Q  S  T  V-Z  

 

Pianta

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

DA LA CAGNINA A LUSCIO

 

LA CAGNINA - Frammenti di questa famiglia li ritroviamo a Favara nella prima metà del 1700.

 

LA GAIPA/GAIPA - Frammenti di questa famiglia li ritroviamo a Favara nella seconda metà del 1600, nella prima metà del 1700 e dalla seconda metà del 1800 in poi.

 

LA GRECA - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la seconda metà del 1800.

 

LA GRUTTA - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600.

 

LA LOGGIA - V. Loggia.

 

LA LUMIA/LA LOMIA - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la seconda metà del 1700.

 

LA MANNA - Cognome riscontrabile anche nelle forme La Magna, Lamagna, La manna. Lamagna è tipico di Napoli, con ceppi anche nel materano; La Magna molto più raro ha un ceppo a Napoli ed uno nel catanese; Lamanna è tipico del sud peninsulare; La Manna è presente in tutto il sud. Possono derivare sia da attributi di grandezza relativi a zone o a caratteristiche fisiche la magna (grande) casa, persona, o altro, come è pure possibile che derivino da modificazioni di termini longobardi come arimanno o dal nome della nazione di provenienza Alamagna (Germania). Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600. La ritroviamo in forma stabile dalla prima metà del 1800 ai nostri giorni.

 

LA MANTIA - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 alla prima metà del 1600 e fra la seconda metà del 1800 alla prima metà del 1900.

 

LA MARCA - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1700.

 

LA MATINA/LA MATTINA - V. Matina.

 

LA MENDOLA - V. Mendola.

 

LA MONICA - Cognome riscontrabile anche nella forma La Monaca. La Monaca è molto poco comune, ha un ceppo nel milanese, nel teatino, nel foggiano e in Sicilia; La Monica, tipicamente siciliano ha un ceppo probabilmente secondario in Campania. derivano da soprannomi legati al fatto di essere originariamente vicini ad un monastero o alle sue dipendenze. Un principio di questa cognomizzazione lo troviamo nel Codice Diplomatico della Lombardia medievale sotto l'anno 1178: "...Anno ab incarnatione domini nostri Iesu Christi millesimo centesimo septuagesimo octavo, decimus kalendas madii, inditione undecima.... Interfuerunt Bernardus de la Monica, Carnelevarius de Burgo, Marabottus de Milano..." e sotto l'anno 1191: "...Anno dominice incarnacionis millesimo centesimo nonagesimo primo, indicione nona, tercio die mensis decembris. Iuraverunt Iohannes Desparius et Tebaldus archipresbiter et Aglerius Grossus et Ru|finus Marisanus et Ugo de Curte et Robertus de la Monaca et Petrus Senex...". Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600.

 

LA PAGLIA - Frammenti di questa famiglia si riscontrano a Favara nella seconda metà del 1600, nella seconda metà del 1700 e fra la prima e la seconda metà del 1800.

 

LA PIANA - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la metà del 1600.

 

LA PLACA - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1800 e la prima metà del 1900.

 

LA RIZZA - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1900.

 

LA ROCCA - Cognome riscontrabile anche nella forma Larocca. Larocca è specificatamente lucano, in particolare della zona di Calvello e Abriola (PZ); La Rocca è diffuso in tutto il centrosud, in Campania ed in Sicilia in particolare. Derivano da toponimi contenenti la radice rocca, come ce ne sono moltissimi in Italia. Antichissima famiglia presente a Favara dalla metà del 1500 ai nostri giorni.

 

LA ROSA - V. Di Rosa.

 

LA RUSSA - Antichissima famiglia già presente a Favara nella metà del 1500 ed ancora oggi presente.

 

LA TONA/LATONA/TONA - Famiglia presente a Favara fra la prima e la seconda metà del 1600 e dalla prima metà del 1900 ai nostri giorni.

 

LANA - Cognome riscontrabile anche nella forma Lamaro. Lanaro è di probabili origini vicentine; Lana potrebbe avere diversi nuclei, nell'agrigentino, nel Lazio, nel maceratino, nel padovano, nel mantovano e nel novarese e varesotto. Questi cognomi probabilmente derivano da soprannomi connessi con il mestiere di filatore o tessitore di lana, in qualche caso può anche essere disceso dall'aferesi del nome germanico Gailana. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1600 in ai nostri giorni.

 

LANDOLINA - Frammenti di questa famiglia la ritroviamo a Favara verso la fine del 1500.

 

LANDONE - Cognome riscontrabile anche nelle forme Landini e Landoni. Landini ha forse diversi ceppi nel quadrilatero avente ai vertici Genova, Como, l'aretino e il pescarese; Landoni e Landone sono specifici della zona tra comasco e varesotto, derivano dal nome medioevale Lando o da aferesi di nomi come Orlando. Il conte Landone (843-860), contribuì alla ricostruzione della città di Capua sulle rive del fiume Volturno; verso la fine del IX secolo il longobardo Landone di Vescovio, vescovo di Civitate Sabinense divenne Papa. Famiglia venuta da Agrigento nella seconda metà del 1800 ed ancora oggi presente.

 

LANFRANCA - Famiglia venuta da Gibellina (TP) nella prima metà del 1800.

 

LANZA - Cognome riscontrabile anche nella forma Lanzi. Lanzi occupa l'areale che comprende Lombardia, Emilia, Toscana, Umbria e Lazio; Lanza è molto diffuso sia al sud che al nord. Dovrebbero derivare da soprannomi legati alla forma arcaica del vocabolo lancia, ad indicare probabilmente il mestiere dell'uomo d'armi o più semplicemente la funzione di portatore d'armi.   Già nel XII secolo c'è un Francesco Lanza feudatario di Rosolini (SR) e una famiglia Lanzi è annoverata tra la nobiltà ghibellina di Trescore (BG), nel 1400 troviamo Blasco Lanza, Dottore in legge che sposa Rosa, Baronessa di Mojo, nel 1500 il Barone Cesare Lanza è feudatario di Carini (PA). Famiglia presente a Favara nella seconda metà del 1500.

 

LATINO - Cognome riscontrabile anche nelle forme Latin e Latini. Latin, assolutamente rarissimo è triestino; Latini è tipico della fascia dell'Italia centrale; Latino, tipico del sud, ha ceppi in Sicilia, nel Salento, nel Gargano e nell'iserniese. Derivano dal cognomen latino Latinus, citato ad esempio da Virgilio nell'Eneide: "...Rex arua Latinus et urbes - iam senior longa placidas in pace regebat...", questa cognomizzazione era già presente in Toscana in epoca medioevale, si ricorda il Brunetto Latini (1220-1295) citato da Dante nella Divina Commedia nel girone dei sodomiti. Frammenti di questa famiglia la ritroviamo a Favara nella seconda metà del 1500.

 

LATTUCA - Famiglia presente a Favara dalla fine del 1500 ai nostri giorni.

 

LAUDICO - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla prima metà del 1700.

 

LAUDISI - Cognome riscontrabile anche nelle forme Laudisa e Laudisio. Laudisa, molto raro, è tipico di Lecce; Laudisio, molto raro, sembra specifico del napoletano, salernitano e potentino; Laudisi, assolutamente rarissimo, potrebbe essere dell'Irpinia. Dovrebbero derivare dal nome medioevale di origine franca Laudus di cui abbiamo un esempio in un atto del 1355 dove è citato un ser Laudus Lambardo. Troviamo tracce di questa cognomizzazione a Salerno in un atto di conferimento della rettoria parrocchiale di S. Angelo in Solofra al sacerdote Pietro de Laudisio di Montoro (AV). Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1600.

 

LAURICELLA/LAURICELLA LUCA - Cognome originario della Sicilia, provincia di Agrigento; potrebbe derivare da un diminutivo del cognomen latino Laureola. Famiglia proveniente dalla Catalogna (Spagna) con i Mango di Casalgerardo (PA), ed imparentata con Ruggiero di Lauria (PZ). Altra derivazione potrebbe scaturire dalla fusione dei cognomi Lauri e Cella. Antichissima famiglia rilevata a Favara già nella metà del 1500 ed ancora presente ai nostri giorni. La variante Lauricella Luca è avvenuta a seguito di un matrimonio di un tale Luca, avvenuto nella prima metà del 1600.

 

LAURICI - Rarissime presenze di questa famiglia a Favara si attestano alla fine del 1500 e del 1800.

 

LAURO/DI LAURO - Cognome riscontrabile anche nelle forme Laura e Lauri. Laura, molto raro sembra essere specifico della provincia di Imperia; Lauri è diffuso nella fascia centrale che comprende Umbria, Marche, Lazio e Abruzzi, con un ceppo anche nel napoletano; Lauro è tipico del napoletano. Dovrebbero derivare dal nome latino Laurus (consacrato ad Apollo) citato ad esempio in questo cenotafio di epoca longobarda: "...Laurus eras, Umfrede, tuas academia frondes iactavit merito, serta superba, diu...", è pure possibile, in alcuni casi, una derivazione da toponimi come Lauro (AV) e (CE) e simili.  Tracce di questa cognomizzazione si trovano sia a Fano (PS), che a Macerata fin dal 1500. Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la seconda metà del 1700.

 

LAVORE - Frammenti di questa famiglia si rilevano a Favara nella seconda metà del 1600 e all’inizio del 1900.

 

LAZZANO - Famiglia venuta da Agrigento nella prima metà del 1800 ed ancora oggi presente.

 

LENA/LENA VACCARO - Famiglia presente a Favara, nella variante Lena, dall’inizio del 1600 alla prima metà del 1700. Da quest’ultimo periodo ai nostri giorni la ritroviamo nella forma Lena Vaccaro.

 

LENTINI - Cognome di origini siciliane derivante dal toponimo Lentini (SR). Esiste un ceppo secondario lucano, trasferitosi poi a Monopoli. Si hanno tracce verso la fine del 1600 di un gabelliere daziario di nome Giovanni Battista Lentino, la cui famiglia acquistò poi nel tempo caratteri nobiliari, tant'è che nel registro della nobiltà del 1754 viene citato, a Monopoli, un Barone Giovanni Battista Lentini. Famiglia presente a Favara dalla fine del 1600 ai nostri giorni.

 

LEONE - Cognome riscontrabile anche nelle forme Leoncini, Legnetti, Leoni. Leoncini ha un nucleo tra la provincia di Genova e l'Alessandrino, ma esiste anche un ceppo fiorentino; Leonetti sembra avere un ceppo nel barese, uno nel cosentino, uno nel napoletano ed uno nel Lazio; Leoni è del centro nord e Sardegna; Leone è assolutamente panitaliano. L'origine di questi cognomi è varia, possono essere legati a soprannomi legati a caratteristiche comportamentali, all'essere nell'ambito di qualcuno nel cui stemma comparisse uno o più leoni, oppure in altri casi possono derivare dal nome medioevale Leone o dal nomen latino Leon. Famiglia presente a Favara dalla prima metà del 1600 ai nostri giorni.

 

LETO - Famiglie venute a Favara nella seconda metà del 1800 da Palermo e Naro.

 

LI CAUSI - Famiglia venuta da Palermo e rilevata a Favara nella seconda metà del 1800.

 

LICATA - Famiglia con diversi ceppi, presente a Favara nella metà del 1500 fino ai nostri giorni. Di questa si evidenzia il ceppo dei principi di Baucina, venuto da Racalmuto all’inizio del 1600 e trasferitosi definitivamente nella prima metà del 1900.

 

LIGREGNI - Famiglia di San Giovanni gemini, presente a Favara nella seconda metà del 1800.

 

LIMBLICI/LIBRICI/LIMBRICI - Famiglia presente a Favara dalla prima metà del 1500 alla seconda metà del 1600 nella variante Librici e Limbrici. La ritroviamo dalla fine del 1800 ai nostri giorni nell’attuale variante Limblici.

 

LINO - Cognome di probabile origine del palermitano che può derivare sia dal nome medioevale italiano Lino, sia dall'aferesi di diminutivi di nomi come Angelo, Paolo, Agnolo etc. Frammenti di questa famiglia li ritroviamo fra la fine del 1500 e l’inizio del 1600.

 

LIONTI - Famiglia presente a Favara tra la seconda metà del 1600 e la prima metà del 1700.

 

LIOTTA - Cognome riscontrabile anche nella forma Liotto. Liotto ha un ceppo originario ad Aversa (CE), ma esiste un ceppo, forse non secondario a  Vicenza; Liotta è specifico della Sicilia. Dovrebbero derivare dall'aferesi del nome medioevale italiano Galiottus di cui abbiamo un esempio in Romagna in uno scritto del 1278: "...Eodem anno, die martis XXIV mensis maii, comes Manfredus potestas Faventie, cum tota milicia et populo civitatis eiusdem, et dominus Galiottus de Pipinis capitaneus partis Lanbertaciorum Faventie commorantium, cum tota militia et populo dicte partis, post terciam dicti diei, equitaverunt versus civitatem Imole...", tracce di questa cognomizzazioni le troviamo a Solofra fin dal XVII sec. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1600 ai nostri giorni.

 

LIPARI - Cognome riscontrabile anche nella forma Ripara. Tipici siciliani e del reggino, quasi scomparso Lipara, derivano dal toponimo Lipari (ME), isola delle Eolie, o dal suo nome antico Lipara. Famiglia venuta da S. Cataldo nella seconda metà del 1800 ed ancora oggi presente.

 

LIVRERI - Cognome riscontrabile anche nella forma Livrieri. Potrebbero essere di origini pugliesi e dovrebbe derivare da un soprannome connesso con il vocabolo levriere (razza canina). Famiglia presente a Favara dalla fine del 1500 ai nostri giorni.

 

LO BIANCO - V. Bianco.

 

LO BUE - Famiglia presente a Favara dalla fine del 1700 ai nostri giorni, con diverse provenienze, fra cui Agrigento, S. Cataldo, Castrofilippo e Racalmuto.

 

LO COCO - Frammenti di questa famiglia si rilevano a Favara nella seconda metà del 1700.

 

LO DESTRO - V. Destro.

 

LO IACONO/LO JACONO - V. Iacono.

 

LO MARTIRE - V. Martire.

 

LO MEDICO - Famiglia presente a Favara nella prima metà del 1600 ed in modo frammentario fra la prima e la seconda metà del 1800.

 

LO MERCATO - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600.

 

LO PICCOLO - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

LO PINTO - Famiglia di Palma di Montechiaro, venuta a Favara nella seconda metà del 1800 ed ancora oggi presente.

 

LO PIPARO - V. Piparo.

 

LO PORTO - Famiglia venuta a Favara nella seconda metà del 1800 ed ancora oggi presente.

 

LO PRESTI - V. Presti.

 

LO SARDO - V. Sutera/Sutera Sardo.

 

LO VERDE - Frammenti di questa famiglia si riscontrano nella seconda metà del 1600 e del 1800.

 

LO VASCO - V. Vasco.

 

LO VETERO - V. Vetro/Vetero.

 

LODATO - Famiglia presente a Favara dalla prima metà del 1700 alla seconda metà del 1800.

 

LOGGIA/ LA LOGGIA - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla prima metà del 1700 ed in modo frammentario nella seconda metà del 1800.

 

LOMBARDO - Cognome con varianti: Lombardini, Lombardino, Lombardi. Lombardi è assolutamente panitaliano, mentre Lombardo è più propriamente siculo calabro. Questi cognomi hanno molte origini, dalla derivazione dai molti toponimi quali: Alzano Lombardo (BG), Martirano Lombardo (CZ), San Vito dei Lombardi (AV) etc., alla cognomizzazione del nome medioevale italo germanico Lombardo, al soprannome indicante la provenienza regionale o etnica (dei Longobardi). Nato da un soprannome o appellativo che tra i secoli XII e XVI, significava "abitante dell'Italia settentrionale", ma deriva anche da nome di mestiere, infatti "lombardi" venivano anche soprannominati coloro che praticavano l'usura. Questa famiglia la ritroviamo a Favara già nella metà del 1500 fino ai nostri giorni.

 

LOMBINO - Famiglia presente a Favara dalla prima alla seconda metà del 1800.

 

 

LOMEO - Famiglia venuta da Bagheria nella seconda metà del 1800.

 

LONGINO - Famiglia presente a Favara dall’inizio del 1900 ai nostri giorni.

 

LONGO - Cognome riscontrabile anche nelle forme Longetti, Longhi, Longis. Longetti, molto raro, è tipico del perugino; Longhi è limitato al nord; Longis, assolutamente rarissimo, è tipico valdostano; Longo è largamente diffuso in tutt'Italia. Dovrebbero derivare da variazioni del nome medioevale Longus, variazione di cui abbiamo un esempio nella Vita di Ubertino da Carrara del 1300 scritta dal Vergerio: "...Longettus erat hereditarius servus, et semper una nutritus..:", dell'uso di questo tipo di cognomizzazione troviamo un esempio nel Codice Diplomatico della Lombardia medievale nell'anno 1172 a Milano: "...Et ad hanc previdendam causam interfuerunt duo estimatores, scilicet Albertus Longus et Iohannes Crozorinus qui estimaverunt hanc commutacionem proficuum esse ecclesie....", in alcuni casi potrebbero pure derivare da soprannomi legati al vocabolo "lungo" e probabilmente condizionati dall'altezza e dalla magrezza del capostipite. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1600.

 

LOREFICE - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1600.

 

LUCCHESE - Frammenti di questa famiglia si riscontrano nella prima metà del 1600 e tra la prima e la seconda metà del 1700.

 

LUCERNA - Famiglia venuta da Agrigento nella seconda metà del 1800.

 

LUGLIO - Famiglia venuta da Agrigento nella seconda metà del 1800.

 

LUMIA - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

LUNA - Cognome con più ceppi originari, nel vicentino, nell'area tra Perugia ed Ancona e probabilmente anche al sud, dovrebbe derivare dal cognomen latino Lunaris. Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1900.

 

LUPARELLO - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600, nella prima metà del 1700. Altro ceppo è venuto a Stabilirsi a Favara nella prima metà del 1800 ed ancora oggi presente.

 

LUPO - Famiglia rilevata a Favara dalla prima metà del 1800, con provenienze da Mussomeli, Canicattì, Agrigento, ancora oggi presente.

 

LUSCIO - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600.

 

Come effettuare la ricerca genealogica

 

Geneo Storia Favara