panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 

Cognomi in ordine alfabetico

 A  B   D-E         L  

 M  N-O   P-Q  S  T  V-Z  

 

Pianta

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

DA D'AGOSTINO A ERRORE

 

D’AGOSTINO - Cognome molto diffuso in tutta Italia, ma particolarmente nel centro sud. Deriva dal nome latino Augustus o dal fatto di essere nato in agosto, il riferimento da cui il capostipite ha tratto il soprannome. Tracce di queste cognomizzazioni le troviamo a Giovinazzo (BA) almeno dal 1500, quando in un atto viene citato mastro Giuseppe de Agostino di Nola. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla prima metà del 1600 e dalla fine del 1600 ai nostri giorni.

 

D'ANCA - Sportadiche presenze di questa famiglia le ritroviamo fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600.

 

D’ANDREA - Cognome diffuso moltissimo in tuttaItalia, ma particolarmente nel centro sud, derivante dall’omonimo nome medioevale. Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1700. Qualche presenza si rileva anche nella metà del 1800.

 

D’ANGELO - Cognome patronimico proveniente dal nome proprio Angelo, presente soprattutto al centro-sud, ma diffusissimo in tutt’Italia con una lunghissima serie di varianti. All’origine troviamo Angelus, diffuso come nome della tarda latinità, come prosecuzione del greco anghelos “messaggero”, che traduce l’ebraico mal’ak che si perpetua senza grandi cambiamenti nella nostra lingua, con diversi adattamenti regionali soprattutto in Veneto e Toscana con Angiolo e Agnolo, al centro-sud con De Angelis, in provincia di Latina con D’Angelis e della provincia di foggia con Deangelis. Le prime attestazioni le troviamo in epoca medievale, tra cui i derivati dal nome del padre D’Angeli e De Angeli, caratteristici dell’Italia meridionale. La grande sfilza di varianti comprende: Angelo, Angela, Angioli, Angiolo, Agnoli, Agnolo, D’Angeli, De Angeli, De Angelis, Dell’Agnola, Angelelli, Angelillo, Agnorelli, Angeletti, Angioletti, Agnoletto, Angiolicchio, Angelini, Angiolini, Angelucci, Agnolucci, Angelotti, Agnolotti, Angelozzi, Angiulli, Angeloni, Angioloni, Angheloni, Angiolani, Angelastro, Agnelutto, Dagnelut. Antica famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 ai nostri giorni.

 

D'ANNA/D’ANNA BUNONE - BUNONE - Elegante cognome di difficile datazione, specifico dell’Italia meridionale, che a Favara troviamo nell’antica forma matronimica. Si tratta di uno dei rari casi di derivazione materna. Nel napoletano troviamo la variante Annarumma, risultato composito di Anna e Rummenica, quest’ultimo versione napoletana di Domenica. Anna è un diffusissimo nome di tradizione ebraica (Hanna nell’Antico Testamento è la madre del profeta Samuele) che la chiesa ha attribuito, senza preciso fondamento, alla madre di Maria, che la partorì dopo vent’anni di ininterrotte preghiere.Dal punto di vista etimologico si collegherebbe al nome ebraico hanan “avere misericordia”. Si può trovare nelle varianti Anna, Annoni, Annella, Annuzza, Annarumma, De Anna. Antichissima famiglia presente a Favara dalla metà del 1500. Il cognome Bunone è nato come soprannome di un ceppo della famiglia D’Anna nella seconda metà del 1700. Nella prima metà del 1800 è comparso come cognome singolo, oltre che associato a D’anna, fino a diventare autonomo nella seconda metà del 1800.

 

D'ASARO/ASARO - Asaro è tipico del trapanese, di Mazara Del Vallo (TP) in particolare, Asero è della zona di Paternò, Biancavilla e Belpasso, nel catanese, potrebbe derivare dal toponimo Assoro (EN), ma potrebbe pure derivare dal nome arabo Azar o Assar. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla prima metà del 1600.

 

D'IPPOLITO/IPPOLITO/POLITO - Ippoliti è specifico della fascia centrale che comprende Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio; Ippolito è tipico di tutto il sud. Detti cognomi derivano dal nomen latino Hippolitus o dall'equivalente greco Hippolytos, di cui abbiamo tracce nella tragedia di Seneca Phaedra: "...Adeste, Athenae! fida famulorum manus, fer opem! nefandi raptor Hippolytus stupri instat premitque, mortis intentat metum, ...". Antichissima famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 ai nostri giorni.

 

D'ORO - Famiglia presente ancora oggi a Favara venuta alla fine del 1600 da Castelvetrano.

 

D’URSO - V. Urso.

 

DAIDONE - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla prima metà del 1600.

 

DAINO - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1600 alla prima metà del 1700. Sporadiche presenze ritroviamo nei primi del 1800. Nella seconda metà del 1800 troviamo invece una famiglia Dainotto.

 

DALLI - Famiglia presente a Favara nella prima metà del 1600. Tra la prima metà e la seconda metà del 1600 ritroviamo detto toponimo come soprannome.

 

DALLI CARDILLO - Famiglia venuta da Agrigento agli inizi della seconda metà del 1800.

 

DAMIANO - Cognome con variante Damiani. Mentre Damiani è molto diffuso in tutta Italia, Damiano è circoscritto al sud. Derivano dal nome latino tardo "Damianus". Si afferma in Piemonte già dall’alto Medioevo. Esempio famosissimo di questa cognomizzazione si ha con San Pier Damiani o Petrus Damiani (988 - 1072) fondatore dell'eremo di Camaldoli. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla fine del 1800.

 

DANIELE - Cognome riscontrabile anche nelle varianti Daniel e Danieli. Daniel sembra trevigiano; Danieli ha un importante nucleo veneto con un ceppo nel Lazio ed uno nel Salento; Daniele è diffuso in tutta Italia, in particolare a Napoli. Tuttiderivano dal nome Daniele, tipico della tradizione protocristiana. Tracce di questa cognomizzazione le troviamo nel 1200 in Istria con il mercadante fiorentino Manuccio Danieli. Il nome di questa famiglia è diffuso in circa 822 comuni italiani, con massima concentrazione in Piemonte, Veneto e Campania, con lieve presenza nelle Puglie, specialmente nel Salento. In quest'ultimo ha goduto nobiltà in Gagliano del Capo (LE) dove la famiglia vive tutt'ora. Celebri membri sono un Alessandro Daniele che prese parte ai movimenti successivi alla rivoluzione Napoletana  e iscritto nel Notamento dÈ Rubricati di Terra d'Otranto; e i coniugi Enrico Daniele ed Erminia Romasi dei Baroni di Montesardo per la costruzione dell'Ospedale di Gagliano del Capo. Il Palizzolo Gravina la fa derivare dalla città di Noto e feudataria di Canicattì. Famiglia presente a Favara dalla fine del 1500 ai nostri giorni.

 

DANILE - Antica famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 ai nostri giorni.

 

DANTE - Famiglia presente a Favara dall’inizio del 1900 ai nostri giorni.

 

DE FRANCHIS - Frammenti di questa famiglia palermitana si riscontrano nella prima metà del 1700.

 

DE FRANCISCI - Famiglia venuta da Palermo nella prima metà del 1800.

 

DE LUCA - Cognome siffuso massicciamente in tutta Italia, deriva dal nome Luca. Sporadiche presenze di questa famiglia si riscontrano a Favara nella prima metà del 1600 e nella seconda metà del 1800.

 

DE PETRA - Famiglia presente a Favara dai primi del 1600 ai nostri giorni.

 

DE VECCHI - Cognome dal significato chiaro, diffuso dappertutto in Italia, ma con diversa distribuzione secondo le numerose varianti: De Vecchi, Del Vecchio, Vecchiarino, Vecchièt, Vecchione, Vecchietti, etc..Le forme precedute da articoli sono tipiche del Sud (Lo Vecchio, Li Vecchi, Lo Vecchio). Del Vecchio è molto presente in tutta la penisola, ma con grande concentrazione al centro sud; De Vecchi è diffuso in tutto il settentrione, con ceppi diversi, nel Veneto e nell'area tra le province di Milano, Lodi e Pavia. Derivano da soprannomi o legati all'età del capostipite, o a toponimi come  Vecchiano (PI) o Vecchiarello (CS), oppure a distorsioni del nome latino Vedius o del nome gotico Vetericus. La famiglia De Vecchi di Favara è venuta da Venezia nella seconda metà del 1800 e qui è rimasta fino alla prima metà del 1900.

 

DEJURE/DE JURE - Famiglia venuta da Agrigento nella seconda metà del 1700 ed estinta nei primi del “900.

 

DEL POPOLO - Famiglia presente a Favara nella prima metà del 1800 e dalla prima metà del 1900 ai nostri giorni.

 

DELL'ARTE - Sporadiche presenze di questa famiglia si riscontrano a Favara nella seconda metà del 1500, nella seconda metà del 1700 e nei primi del 1800.

 

DESTRO/LO DESTRO - Famiglia presente a Favara dalla fine del 1500 alla prima metà del 1600, nei primi del 1700, nella prima metà del 1800 e dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

DI BARTOLO - Di Bartolo sembrerebbe originario della Sicilia, ma con un ceppo anche in provincia dell’Aquila, diffuso nel centro sud (Lazio, Abruzzi, Molise, Campania e Puglia), Di Bartolomeo, forse pugliese Dibartolomeo, probabilmente di origine del siracusano Dibartolo, sono probabilmente frutto di un errore di trascrizione con il quale si è perso lo spazio dopo la particella Di.Tutti questi cognomi derivano dal nome Bartolomeo. Famiglia presente a Favara fra la fine del 1500 e la prima metà del 1600.

 

DI BENEDETTO - Cognome estremamente diffuso in tutt’Italia, all’infuori della Sardegna, deriva dal nome Benedetto. Antichissima famiglia presente a Favara nella metà del 1500 ed ancora oggi esistente.

 

DI BILIO - Famiglia proveniente da Comitini, presente a Favara nella seconda metà del 1800 e da qui emigrata nella seconda metà del 1900.

 

DI BLASI - Cognome con varianti Di Biase, Di Biasi. Di Biase è abbastanza raro e sembra tipico della Campania; Di Biasi è diffuso nelLazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Puglia; Di Blasi ha la massima concentrazione in Sicilia, con un nucleo anche in Calabria ed in Campania. Possono derivare dal cognomen latino Blaesus o da un soprannome derivato dal nome Biagio. Di questa famiglia si rilevano presenze a Favara nella seconda metà del 1500 e nella seconda metà del 1600.

 

DI CARLO - Cognome molto diffuso in tutto il centro sud, derivante dal nome Carlo. Tracce di questa cognomizzazione le troviamo ad esempio in Sicilia nel 1500 a Castiglione di Sicilia (CT) con una certa Maria Di Carlo. Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 alla prima metà del 1800. Altro ceppo ritroviamo all’inizio del 1900.

 

DI CARO/DI CARO MARRIX - MARRIX - Cognome estremamente raro, presente in modo assolutamente disperso in tutta Italia, derivante dal cognomen latino Carus, ricordiamo il famosissimo scrittore Titus Lucretius Carus. Personaggio famoso con questo cognome è stato Annibal Caro (Civitanova Marche, 1507-1566) il celebre traduttore dell'Eneide. Antica famiglia dimorante a Favara dalla fine del 1500 ai nostri giorni. Ad un ceppo di questa famiglia, nella prima metà del 1700, è stato attribuito il nomignolo di Marrixi. Nel corso dei secoli la famiglia ha assunto il cognome: Di Caro, Di Caro Marrix e semplicemente Marrix dalla prima metà del 1800.

 

DI COSIMO - Qualche frammento di questa famiglia, proveniente da Agrigento, si rileva nella prima metà del 1600.

 

DI DIO - Frammenti di questa famiglia si rilevano fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600, fra la seconda metà del 1600 ed i primi del 1700, nella seconda metà del 1700 e dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

DI EMANUELE - Famiglia presente a Favara fra la prima e la seconda metà del 1800.

 

DI FEDE - Abbastanza raro, sembra specifico della Sicilia sud orientale. Famiglia presnte a Favara in modo frammentario fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1700, nella prima metà del 1800 e nella seconda metà del 1800.

 

DI FRANCESCO - Qualche presenza di questa famiglia si rileva a Favara nella seconda metà del 1600.

 

DI FRANCO - V. Franco.

 

DI GAETANO - V. Gaetano.

 

DI GIACOMO - Cognone molto presente in tutta lItalia centro meridionale, derivante dal nome Giacomo. Frammenti di questa famiglia li ritroviamo a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600, fra la prima e la seconda metà del 1800.

 

DI GIOVANNI - Frammenti di questa famiglia li ritroviamo a Favara nella prima metà del 1600 e dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

DI GIROLAMO - Proprio dell'area compresa tra Puglia, Basilicata e Campania, deriva dal nome gerolamo. Frammenti di questa famiglia li ritroviamo a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600.

 

DI GLORIA - Frammenti di questa famiglia li ritroviamo a Favara nella seconda metà del 1500, nella prima metà del 1800 e dalla seconda metà di detto secolo ai nostri giorni.

 

DI GRAZIO - Famiglia presente a Favara dalla prima metà del 1600 ai nostri giorni.

 

DI/DE GREGORIO - Frammenti di questa famiglia si riscontrano a Favara fra la seconda metà del 1500 e la seconda metà del 1600 ed alla fine del 1800.

 

DI LAURO - V. Lauro.

 

DI LEO/DE LEO - Cognome presente a macchia di leopardo, dovrebbe essere originario della provincia di Brindisi, ma sembrerebbe esserci un nucleo anche a Reggio Calabria, dovrebbe derivare dal nome Leone. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1600.

 

DI LIBERTO/DILIBERTO - Cognome siciliano della zona cui appartengono le provincie di Caltanissetta ed Agrigento. Dovrebbe derivare da un nome della devozione tardo latina Dei Libertus ( il liberto di Dio cioè colui che Dio ha reso vero uomo). Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla prima metà del 1700.

 

DI LORENZO - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 ai primi del 1700 e dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

DI LUCIA - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 ai nostri giorni.

 

DI MAGGIO - Famiglia presente in maniera frammentaria a Favara fra la seconda metà del 1500 alla prima metà del 1600, nella prima metà del 1700, nella seconda metà del 1800 e nella prima metà del 1900.

 

DI MARCO - Cognome molto diffuso in tutta Italia, derivante dal nomen latino Marcius, Marcia era, tra i nomi di clan, uno dei più popolosi della Latinità. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1700 e tra la seconda metà del 1800 ai nostri giorni, prtoveniente da Castronovo (PA).

 

DI MARIA - V. Maria/Maria Nasonte.

 

DI MARTINO - Cognome tipico del centro sud con ceppi un pò in tutta Italia, deriva dal nome Martinus. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1700.

 

DI MICELI/MICELI - Cognome non comune, di probabili origini sicule, della zona tra la provincia di Palermo e Agrigento, deriva da una modificazione del nome Michele. Tracce di questa cognomizzazione si trovano a Palermo fin dal 1600, nella seconda metà del secolo a Palermo esercita il notaio Leonardo di Miceli nativo di quella città. Personaggio notevole è stato il pittore monaco Domenico Di Miceli di Naro (AG) nel 1700. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1700 e dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

DI MINO - Cognome riscontrabile anche nella variante Dimino. Entrambi sono originari della zona ai confini tra la provincia di Agrigento e Trapani. Famiglia presente a Favara tra la seconda metà del 1700 e l’inizio del 1800.

 

DI NAPOLI/NAPOLI - Famiglia presente a Favara tra la seconda metà del 1500 e la seconda metà del 1600. La ritroviamo anche dall’inizio del 1700 ai nostri giorni. Fino ai primi del 1700 si riscontra col toponimo Di Napoli e successivamente semplicemente Napoli.

 

DI NARO - Famiglia presente in modo molto frammentario fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600. La ritroviamo in forma stabile dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni, con un ceppo proveniente da Resuttano.

 

DI NICA/NICA - Famiglia tutt’oggi presente a Favara, proveniente da Agrigento nella prima metà del 1700.

 

DI NOLFO - Famiglia presente a Favara fra i primi del 1600 ed i porimi del 1700. Un altro ceppo ancora oggi esistente è venuto da Agrigento nella prima metà del 1800.

 

DI NOTO/NOTO - Cognome diffuso in Sicilia e Calabria, con un ceppo anche nel napoletano, deriva dal toponimo Noto (SR). Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la seconda metà del 1700. Altro ceppo è venuto nella seconda metà del 1800 e tutt’oggi esistenti.

 

DI PASQUALE - Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

DI PRIMA - Famiglia presente a Favara tra la seconda metà del 1500 e la seconda metà del 1600.

 

DI RAIMONDO - Famiglia presente a Favara tra la seconda metà del 1500 ed i primi del 1700.

 

DI ROCCO - Antichissima famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 ai nostri giorni.

 

DI ROSA/LA ROSA - Cognome riscontrabile anche nella forma Larosa. La Rosa è tipico siciliano e della zona calabrese dello stretto di Messina, Larosa molto più raro, ha un ceppo nel reggino ed uno nel barese, derivano entrambi dal nome personale latino Rosa. Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600. successivamente, dalla seconda metà del 1600 ai nostri giorni.

 

DI SALVO - Famiglia presente a Favara fra la seconda metà del 1500 e la prima metà del 1600, dalla seconda metà del 1600 ai nostri giorni la ritroviamo in forma stabile.

 

DI SILVESTRO - Famiglia presente a Favara tra la seconda metà del 1500 alla prima metà del 1600.

 

DI STEFANO/DISTEFANO - Di Stefani e Distefani, assolutamente rarissimi, sembrerebbero esclusivi del centro Italia, Di Stefano è estremamente diffuso in tutto il centrosud; Distefano è specifico della Sicilia sudorientale. Derivano dal nome Stefano, la particella Di starebbe ad indicare quelli di, cioè la famiglia di un certo Stefano. Frammenti di questa famiglia li ritroviamo fra la seconda metà del 1500 ed i primi del 1600. Qualche presenza si rileva nella seconda metà del 1600. La ritroviamo in forma stabile dai primi del 1800 con un ceppo proveniente da serradifalco ed ancora oggi esistente.

 

DI VINCENZO - Famiglia di Castrofilippo, presente a Favara nella prima metà del 1700. Altri ceppi provenienti da Palma di Montechiaro e Comitini li ritroviamo dalla prima alla seconda metà del 1800.

 

DIANA - Ha un grosso nucleo in Sardegna, un ceppo in Campania ed uno nel barese, dovrebbero tutti derivare dal nome Diana o dal suo significato dialettale di strega, in quanto divinità pagana. Famiglia presente a Favara dalla prima metà del 1600 ai primi del 1700 e dalla seconda metà del 1700 ai nostri giorni, con provenienze da Agrigento e Comitini.

 

DIBILIO/DI BILIO - Famiglia presente a Favara dai primi del 1900 ai nostri giorni.

 

DIONISI/DONISI - Dionigi ha un nucleo nella zona che comprende le province di Rimini, Pesaro e Perugia, con un ceppo anche nel Lazio; Dionigio è quasi unico; Dionisi è tipico della fascia che comprende Marche, Umbria, bassa Toscana e Lazio; Dionisio ha un ceppo nell'alto udinese, uno tra Molise, Campania, Puglia e Basilicata ed uno nella Sicilia occidentale, Dioniso, quasi unico, è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, derivano dal nome medioevale Dionisius di cui abbiamo un esempio nel Codice Diplomatico della Lombardia Medioevale in una Carta venditionis del 1155 a Milano: "...Ego Dionisius, notarius sacri palatii ac missus domini secundi Chunradi regis, suprascriptam Contesam interrogavi, et predictis aliis feminis consensi ut supra et subscripsi.". Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 ai primi del 1600 nella forma Dionisi e dalla seconda metà del 1800 in poi nella variante Donisi.

 

DISPENZA - Frammenti di questa famiglia, proveniente da Agrigento, si rilevano a Favara fra la seconda metà del 1700 e la prima metà del 1900.

 

DISPINSERI/DISPINZERI - Cognome molto raro di cui non si riesce ad individuare una zona di radicamento.Frammenti di questa famiglia la ritroviamo a Favara fra la fine del 1500 e la prima metà del 1600 e tra la prima e la seconda metà del 1700, con diverse provenienze da Agrigento, Camastra e Naro.

 

DISTEFANO - V. Di Stefano.

 

DOLCE/DI DOLCE - Di questa famiglia ritroviamo a Favara rarissime presenze nella seconda metà del 1600 e nella seconda metà del 1800.

 

DOMANTE - Famiglia rilevabile a Favara dalla seconda metà del 1800 ai nostri giorni.

 

DONATO - Cognome riscontrabile anche nelle varianti Donadelli, Donadoni, Donatelli, Donati, Donatini. Donadelli è diffuso al nord, con la presenza di più nuclei, nell'area delle provincie di Reggio Emilia e Modena, di Milano, Bergamo e Lodi, di Vicenza e forse anche nelle Venezie; Donadoni parrebbe di origine bergamasca; Donatelli ha un nucleo nel veronese, uno in Umbria, uno molto importante abruzzese e almeno due nelle Puglie; Donati è enormemente diffuso in tutto il centro nord; Donatini ha un ceppo nell'area di confine tra Lombardia, Trentino e Veneto, e un nucleo nell'areale descritto dalle provincie di Ravenna, Bologna, Firenze, Prato, Pistoia e Lucca; Donato è uniformemente distribuito in tutt'Italia. Questi cognomi possono derivare sia dal nome Donato come dal cognomen Donatus e Donatianus. La famiglia Donati di Firenze è stata senza ombra di dubbio una delle famiglie nobili più importanti, favorita con onori e cariche dagli imperatori germanici, ebbe in Corso Donati di Simone, nel 1300, capo della fazione guelfa dei Neri, il suo rappresentante più importante. Famiglia presente a Favara dalla seconda metà del 1500 alla seconda metà del 1600.

 

DONIA - Famiglia presente a Favara nella seconda metà del 1500.

 

DONISI - V. Dionisi.

 

DRAGO - Cognome riscontrabile anche nelle varianti Draghetto, Draghetti, Dragotto, Dragotti, Dragotta, Dragone, Dragonetto, Draghi, Dragonetti, Dragoni. Draghi ha più di un nucleo, uno della zona che comprende le provincie di Milano, Pavia e Piacenza ed almeno un altro nella provincia di Grosseto; Dragonetti proprio dell'areale compreso tra Puglie e Basilicata, dovrebbe derivare dal toponimo Dragonetti (PZ); Dragoni è dell'Italia centrale, della fascia compresa tra Romagna, Marche, Toscana, Umbria e Lazio; Drago è diffuso in tutta Italia meridionale e settentrionale, un nucleo molto importante in Sicilia, uno in provincia di Padova, uno in Liguria, ma ne esistono altri. Tutti questi cognomi possono derivare dal nome medioevale Draco o Dragone, con significato di animale favoloso. Antichissima famiglia rilevabile a Favara dalla seconda metà del 1500 ai nostri giorni ed ancora oggi presente a Favara.

 

DULCETTA - Antica famiglia presente a Favara dalla prima metà del 1600 ai nostri giorni.

 

DUMAS - Si rileva una sporadica presenza di questa famiglia a Favara fra la fine del 1800 e la prima metà del 1900.

 

ERRORE - Famiglia agrigentina presente in modo frammentario nella prima metà del 1600 e tra la prima metà del 1700 e la seconda metà del 1800.

 

Come effettuare la ricerca genealogica

 

Geneo Storia Favara