panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 
La stele del barone Mendola trafugata
Esequie al cimitero di Piana Traversa
I dipinti di Farruggia
Notte di S. Silvestro al castello
Cose da profondo sud al cimitero
L'ex carcere in agonia
Non ci cambierà nessuno
Favara: indignarsi è un dovere
C'era una volta un casello
Favara che scompare
Costruire comunque e ovunque
Demolita torre del 1897
Demoliamo il Castello Chiaramonte
Favara: uno Stato nello Stato
Mura e futtitinni
Amministratori ignoranti e senza pietà
Favara: città dei vivi e dei morti

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

Mura e futtitinni

di Carmelo Antinoro

 

Se oggi riflettiamo in modo istintivo sul significato della famosa locuzione “Mura e futtitinni”, da favaresi veraci pensiamo subito ad un recente passato improntato su una politica abietta e permissiva che ha dilaniato il nostro territorio. In realtà questa brevissima espressione reca in sé un becero significato sociale e culturale che sta alla base dell’impoverimento e del degrado del nostro tessuto sociale a beneficio e con l’arricchimento di pochi.

Dopo il periodo di stagnazione del dopoguerra, con la ripresa economica degli anni “60, alcuni ricchi proprietari terrieri hanno affidato ad alcuni tecnici-sensali di fiducia (gli stessi che nel contempo hanno amministrato la cosa pubblica) la parcellizzazione delle loro terre, i quali, in barba ad ogni strumento di pianificazione, hanno provveduto a lottizzarle secondo il principio del massimo sfruttamento privato a discapito di quello pubblico, relegando pochi spazi pubblici, per forza di cose, alle sole strade, a volte strette e senza uscita.

Molte delle persone emigrate all’estero, con l’intento di ritornare definitivamente in patria, hanno comprato un pezzo di terra, su cui realizzare la propria casa, da abitare assieme ai figli. Col fine di ottenere la licenza edilizia si sono così recate al Comune per chiedere la licenza e la risposta è stata “MA CHI VA PINSANNU MURA E FUTTITINNI!”. Nella logica di “mura e futtitinni”, dalla metà del 1960 alla metà del 1980 hanno costruito in assenza di licenza edilizia, risparmiando non poche spese sulla progettazione e sulla direzione dei lavori, sugli oneri di urbanizzazione e di costruzione, sull’assicurazione degli operai, sull’occupazione di suolo pubblico, etc.. Forti di questo permissivismo e dei soldi risparmiati, molti non si sono limitati a costruire una semplice casa da abitare con la propria famiglia, ma hanno pensato anche alle famiglie dei propri figli e, in certi casi, anche a quelle dei figli dei figli, spiccando pilastri e ordendo solai, uno sopra l’altro, non pensando che il completamento, poi, doveva richiedere una spesa maggiore.

Intanto realizzavano “la PROPRIETÀ

Nell’edificazione del proprio lotto di terreno i favaresi hanno cercato di sfruttare il maggiore spazio possibile col minor costo, in molti casi hanno realizzato balconi per tutto il perimetro del fabbricato e sul loro ciglio hanno spiccato tompagni esterni, secondo la logica del bow Window inglese, peggiorando ancora di più le già informi costruzioni, a discapito anche della luce e delle vedute per i vicini. C’è chi ha costruito sulla vecchia strada ferrata, usurpando terreno demaniale; chi ha costruito in area archeologica; c’è chi si è perfino appropriato di qualche casello ferroviario trasformandolo e inglobandolo in nuove costruzioni; qualche altro, recintando terreno pubblico, si è ritrovato all’interno un’edicola sacra che non ha mai demolito per paura della maledizione; qualche altro ha avuto pure il coraggio e l’ignoranza di costruire su un vallone e in zone in dissesto idro-geologico ed in poco tempo ha dovuto abbandonare la costruzione per pericolo di crollo.

Oltre la gente comune, non hanno lesinato abusi gli amministratori, i professionisti e perfino i preti che hanno violentato chiese con interventi di pessimo gusto ed in totale arbitrarietà. C’è chi, avendo la possibilità, ha avuto la tracotanza di realizzare devastanti abusi legalizzati in posti dove dovrebbe invece vigere il rispetto assoluto per la storia e l’ambiente.

In meno di trent’anni il sacco è stato consumato; il centro abitato, di contorno al centro storico, si è allargato a macchia d’olio, senza forme, né colori. Per anni tutto è stato permesso e guai a reclamare abusi; chi reclamava abusi alle autorità competenti era un infame e poi, chi era nelle condizioni di reclamare e a chi?. Molti hanno realizzato casermoni, uno sopra l’altro, con l’intento di farli poi completare dai figli e, addirittura, dai nipoti, in modo da tenerli vicini come bastoni per la vecchiaia. Questi figli però sono cresciuti e sono andati fuori a studiare o a lavorare, mettendo radici altrove e acquisendo (per fortuna loro) una mentalità diversa dai genitori. Ma le “PROPRIETÀ” che i genitori hanno realizzato sono ancora lì; un ammasso di scheletri che fanno cattiva mostra, soprattutto per coloro che visitano per la prima volta la città, la cui sensazione è quella di una città fantasma. Non a torto Favara è stata equiparata alla Beirut bombardata degli anni “80; basta percorrere la strada Crocca per rendersene conto e il panorama è allucinante. Oggi la città contiene una popolazione residente di quasi 33.000 anime, mentre l’agglomerato urbano potrebbe ospitarne il triplo. Centinaia e centinaia di edifici e palazzoni che dopo 30-40 anni sono ancora allo stato grezzo, in balia delle intemperie ed è paradossale il fatto che le norme prevedono, in caso di costruzione tre anni per il completamento (ma si sa: Favara è sempre stato un Comune a statuto speciale!). Se consideriamo che la vita media di un edificio in cemento armato è di circa 75 anni, ci rendiamo subito conto, dopo 30-40 anni, in quale stato di degrado versano quelli lasciati allo stato grezzo. Il patrimonio economico investito dai favaresi per realizzare scheletri di cemento armato non solo ha prodotto un danno irreversibile ed incommensurabile all’ambiente, ma ha gravemente impoverito l’economia e lo sviluppo della città, considerato che non c’è stato alcun ritorno economico ed occupazionale.

Probabilmente i favaresi, reduci dalle forti ristrettezze e dalla fame del dopoguerra, si sono messi a mangiare pensando di morire da un giorno all’altro e, paradossalmente, si sono messi a costruire pensando di non dovere morire mai.

 

Panorama di Favara

Panorama visto dalla strada Crocca

 

Geneo Storia Favara