panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 
La stele del barone Mendola trafugata
Esequie al cimitero di Piana Traversa
I dipinti di Farruggia
Notte di S. Silvestro al castello
Cose da profondo sud al cimitero
L'ex carcere in agonia
Non ci cambierà nessuno
Favara: indignarsi è un dovere
C'era una volta un casello
Favara che scompare
Costruire comunque e ovunque
Demolita torre del 1897
Demoliamo il Castello Chiaramonte
Favara: uno Stato nello Stato
Mura e futtitinni
Amministratori ignoranti e senza pietà
Favara: città dei vivi e dei morti

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

FAVARA

ma che città è?

 

Torretta del 1897 Luogo dove esisteva la torretta dopo la demolizione
Torretta del 1897 Luogo dove esisteva la torretta dopo la demolizione
Torretta del 1897 Luogo dove esisteva la torretta dopo la demolizione

 

Malincunia

Chi minnì futti a mia di Favara

ca sunnu quarant’anni ca un ci staiu?

Ddrà i casi un sunnu mancu culurati

parinu crozzi senza occhi e suli.

Chi m’interessa a mia di ddru paìsi

unni u tempu unn’havi tempu pi murìri,

u suli apri l’occhi quannu voli

e di luntanu assimiglia a nà luci di citulena?

Chi vinnì futti a vantri da mè malincunia

du Conzu, San Calò, a Batìa e u Strittu?

Si chiuiu l’occhi sugnu nìcu nà mè vaneddra

e a vuci di me mà ca dici: acchiani?

U strattu misu n’capu i tavuli a pigliari u suli,

assimiglia a u sangu da mè malincunia!

                                       Raimondo Presti (da Genova)

 

Geneo Storia Favara