panorama

GeneoStoriaFavara

Stemma civico del Comune di Favara

Profilo e finalità

Home

contatto

Genealogia dei Favaresi

- emigrazione -

Memorie storiche

Curiosità storiche

Etimologia del dialetto

Album delle memorie

Dominazioni e re di Sicilia

Artisti siciliani

Vescovi della Diocesi Agrigentina

 
La stele del barone Mendola trafugata
Esequie al cimitero di Piana Traversa
I dipinti di Farruggia
Notte di S. Silvestro al castello
Cose da profondo sud al cimitero
L'ex carcere in agonia
Non ci cambierà nessuno
Favara: indignarsi è un dovere
C'era una volta un casello
Favara che scompare
Costruire comunque e ovunque
Demolita torre del 1897
Demoliamo il Castello Chiaramonte
Favara: uno Stato nello Stato
Mura e futtitinni
Amministratori ignoranti e senza pietà
Favara: città dei vivi e dei morti

 

 

Carmelo Antinoro © 2008

 

 

Il Castello Chiaramontano di Favara in totale abbandono

di Carmelo Antinoro

 

Favara si è sempre contraddistinta come la città dei paradossi, per il senso spiccato del personalismo e del poco senso civico, per il totale disinteresse per la cosa pubblica e per il proprio patrimonio storico-culturale. Che questa macchia sia insita nel codice genetico di una parte - piccola o grande che sia - della comunità favarese (ma non solo) o, per dirla con una definizione ottocentesca: "degli amministrati" è comprensibile e, per certi versi, tollerabile. Questa macchia diventa comprensibile, ma assolutamente intollerabile, quando a portarla siano gli "Amministratori". È vero il detto: "Ogni popolo ha il Governo che si merita" e gli Amministratori sono lo specchio degli Amministrati. Ma lasciamo stare i commenti che si commentano da soli e andiamo al nocciolo della questione.

Il Comune di Favara da dieci anni ormai, senza averci messo un soldo per recuperarlo, utilizza il castello chiaramontano (monumento di grande valore storico e simbolo civico) per tantissime attività, ma da dieci anni ad oggi, cosa ha fatto (o meglio cosa non ha fatto) per manutenerlo e tenerlo in una forma efficiente e decente?: NULLA!

Entrando oggi nel castello si notano polvere e ragnatele dappertutto, chiodi, fili e catene utilizzati per le mostre e mai tolti, vetri rotti, corpi illuminanti svelliti e in parte non funzionanti, torce elettriche esterne colmi di escrementi di colombi, il cancello, le ringhiere e i graticci delle botole attaccati dalla ruggine, lastre lapidee frantumate, vani chiusi e non visitabili perché pieni di materiali e cianfrusaglie inutili, escrementi di colombi sparsi nella scala lignea di accesso al terrazzo, sporcizia nei canali di convogliamento delle acque di copertura, impianto di condizionamento mai utilizzato perché consuma corrente, con i conseguenti danni che ne derivano. Una stanza sta perennemente chiusa perché di uso esclusivo del sindaco, con la porta di comunicazione con la cappella allapazzata con tavole e chiodi.

Per gli Amministratori il castello più che un monumento da fruire con rispetto e dignità è un semplice contenitore da utilizzare, all'occorrenza, per qualsiasi fine, anche per discoteca: l'evento della notte di S. Silvestro 2010-2011 ne è un triste esempio (v. foto).

Ma come ogni cosa di questo mondo, anche il castello nel tempo ha avuto ed ha bisogno di manutenzione. E il Comune cosa ha fatto in merito? NULLA. Chi visita il piano nobile del castello si accorgerà di enormi macchie di umidità nei muri del salone di rappresentanza (visibili anche all'esterno). Anche nella cappella gocciola acqua. Osservando la copertura si notano tante tegole frantumate, e questo semplicemente perché qualche balordo è salito per montare le luci di Natale alla fine del 2008 (v. foto). La guaina isolante che proteggeva dalla pioggia il muro di coronamento sud del salone di rappresentanza si è completamente staccata (probabilmente a seguito del fissaggio di quel grande bandierone che ha richiesto l'utilizzo di due rocciatori) e adagiandosi sul canalone di gronda impedisce il regolare deflusso delle acque meteoriche (v. foto). E l'Amministrazione cosa fa? NULLA.

Al lettore i conseguenziali commenti.

 

Veglione per la notte di S. Silvestro 2010-2011 al castello di Favara Veglione per la notte di S. Silvestro 2010-2011 al castello di Favara
Veglione per la notte di S. Silvestro 2010-2011 al castello di Favara Veglione per la notte di S. Silvestro 2010-2011 al castello di Favara
Veglione per la notte di S. Silvestro 2010-2011 al castello di Favara Veglione per la notte di S. Silvestro 2010-2011 al castello di Favara

Veglione al castello di Favara per la notte di S. Silvestro 2010-2011

Danni alle coperture del Castello Chiaramonte di Favara Danni alle coperture del Castello Chiaramonte di Favara
Danni alle coperture del Castello Chiaramonte di Favara Danni alle coperture del Castello Chiaramonte di Favara
Danni alle coperture del Castello Chiaramonte di Favara Danni alle coperture del Castello Chiaramonte di Favara
Danni alle coperture del Castello Chiaramonte di Favara Danni alle coperture del Castello Chiaramonte di Favara
Danni alle coperture e umidità nelle fabbriche del Castello Chiaramonte di Favara Danni alle coperture e umidità nelle fabbriche del Castello Chiaramonte di Favara
Alcuni dei danni che evidenziano lo stato di abbandono del Castello

 

Geneo Storia Favara